CronacaPrimo Piano

Scoperta la targa in memoria di Vincenzo Bonelli

È stata scoperta la targa in memoria del Saponaro Vincenzo Bonelli, che nel 1625, salito a Monte Pellegrino con l’intenzione di suicidarsi, gli apparse una bella giovane fanciulla con il volto d’angelo di nome Rosalia, che lo fermò dal gesto suicida, e conducendolo nella grotta gli disse di comunicare all’Arcivescovo di non dubitare sulla autenticità delle ossa trovate e di portarle in processione e per la città, perché solo così sarebbe finita peste.

Vincenzo Bonelli, conosciuto anche come il Cacciatore, visse in Via Panneria, 20 ed è per questo che sabato il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, insieme al Presidente del Consiglio Comunale Totò Orlando e al Consiglio della I^ Circoscrizione, ha scoperto la targa in sua memoria, a pochi metri dalla prima cappella votiva  intitolata a Santa Rosalia, in Piazza Monte di Pietà.

L’iniziativa parte dalla richiesta del Consigliere Gioacchino Tramuto, che si è pure commosso durante la scopertura della targa, portando al Sindaco i ringraziamenti a nome di tutti i residenti della zona, ed esprimendo soddisfazione nel raggiungimento di un obiettivo desiderato da tempo, e ringraziando la Commissione Cultura della Circoscrizione con il suo Presidente Cons. Aprendi, per aver organizzato l’evento.

Il Presidente Totò Orlando ha evidenziato come a volte con grandi sforzi prendiamo i fischi e con piccole cose ci fanno gli appalusi, riconoscendo l’importanza dell’iniziativa per la grande devozione del quartiere.

È un giorno importante per il vice presidente della  I Circoscrizione Ottavio Zacco, perché continua il percorso iniziato dalla circoscrizione di rivalutare ogni angolo del nostro territorio, perché ogni angolo del centro storico é ricco di storia ed è legato a personaggi famosi, ed è giusto che bisogna lasciare traccia per le future generazioni.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button