Cronaca

Save the Children: ” Ogni 5 secondi muore un bambino”

Foto di Marco Cirincione

L’allarme lanciato è di quelli drammatici: 6,9 milioni di bambini muoiono ogni anno nel mondo a causa di malattie prevenibili e curabili o per la malnutrizione.

Le stime indicate sono alla base della campagna di sensibilizzazione “Every One” lanciata da Save the Children per dire basta alla mortalità infantile. L’evento, partito da Roma e ospitato da altre città, giunge a Palermo per proseguire l’attività di coinvolgimento riguardo ai temi della scarsa nutrizione, dello spreco alimentare e dell’urgenza d’intervento per la cura di malattie letali.

A spiegare i contenuti della manifestazione, che si terrà il 29 ottobre alle 9.30 al Giardino Inglese, sono intervenuti Paola Sabatino, coordinatrice di Save the Children Palermo; Fabio Maratea, presidente Uisp Sicilia e Agnese Ciulla, assessore alla Cittadinanza sociale del Comune di Palermo.

“Il nostro obiettivo – dichiara Paola Sabatino – è sensibilizzare sin dall’infanzia, attraverso l’aiuto delle famiglie, sullo spreco del cibo e sulla necessità di agire immediatamente per tutelare la salute dei più piccoli.Quest’anno abbiamo focalizzato, in particolar modo, l’attenzione sul tema della malnutrizione. Per far ciò – prosegue la coordinatrice – abbiamo pensato di educare i bambini all’adozione di stili di vita salutari attraverso il gioco. Questo sarà l’evento principale della manifestazione di giorno 29 alla quale parteciperanno i bambini di alcune scuole di Palermo”.

“Attraverso buone pratiche e sani stili di vita – sottolinea Fabio Maratea – è possibile aiutare i bambini per un corretto sviluppo ed evitare l’insorgenza di patologie, come l’obesità ad esempio. Noi come Uisp sosteniamo anche la necessità di un’adeguata attività sportiva ma è chiaro che, ampliando i confini del discorso a livello mondiale, è primario dove lottare contro gravi questioni come la povertà e per il diritto all’istruzione. Per questo motivo – conclude il presidente della Uisp – diamo il nostro contributo per sostenere questi diritti, specialmente nei posti in cui ancora oggi vengono negati, attraverso la convergenza di interessi con il Comune e gli Assessorati che hanno dato il loro apporto all’organizzazione della manifestazione”.

“Un evento del genere – evidenzia Agnese Ciulla – si propone come un importante elemento a sostegno dei diritti, specie del diritto al gioco come sancito dalla Convenzione Internazionale sui Diritti dell’infanzia. L’Amministrazione persegue e patrocina le attività indirizzate ad una migliore qualità della vita e ad alla crescita dei bambini, a livello locale ma anche globale. In questo senso – chiarisce l’assessore – il Comune sta intraprendendo dei percorsi di strutturazione più efficiente dei servizi rivolti alla cittadinanza intera e in particolare per affrontare le emergenze sociali: cibo e riparo ai meno abbienti, prevenzione della violenza sulle donne, progetti sulla disabilità, politiche sulla mobilità giovanile”.

Marco Cirincione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button