CronacaPrimo Piano

SANGIORGI, COMITATO NAZIONALE  PRO PROVINCE

Lettera aperta del Presidente comitato

Leggiamo con grande soddisfazione, ma nello stesso tempo con amarezza, la sentenza della Corte Costituzionale che sancisce, come prevedibile, l’illegittimità della legge Delrio la n. 56/2014 dal titolo “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni”.

Quella legge che avrebbe dovuto abolire le Province, nonostante l’art. 114 della Costituzione Italiana recita espressamente che “La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione.

Con la bocciatura, anche se con notevole ritardo, si archivia definitivamente un modo superficiale, irrispettoso, prepotente e volgare di legiferare, facendo consapevolmente e sistematicamente spregio dei principi costituzionali, delle leggi e dei trattati europei.

Duole vedere che la sentenza arriva fuori tempo massimo, con tanti anni di ritardo, che non giustificano nonostante l’elenco delle motivazioni fornite l’operato Corte Costituzionale; un lungo periodo entro il quale abbiamo visto sull’argomento di tutto, tranne la presenza autorevole della politica, che si porta dietro la grande responsabilità di avere creato un grave disordine all’assetto istituzionale del Paese.

Una riforma totalmente illegittima già sul nascere perché palesemente incostituzionale, realizzata da forze politiche massimaliste progressiste autodefinite impropriamente democratiche, riconducibile ad una certa area, che nel nome di tutti responsabili ma nessun responsabile, che hanno volutamente indebolito gli enti ed indirettamente per conseguenza depresso ulteriormente i territori.

 

Una riforma non riforma, che porta con sé anche la responsabilità di avere legittimato nell’illegittimità in nome dell’autonomia il Governatore Crocetta ed una maggioranza a sostegno inqualificabile, che ha il grande merito

di avere aggiunto confusione alla confusione con diverse leggi sconclusionate degne di un Presidente non Presidente, risultato totalmente inaffidabile, incapace e incompetente nel governare anche l’ordinario.

Spetta alla politica, nel seguire le indicazioni fornite dalla Corte Costituzionale contenute nella sentenza, ripristinare l’assetto istituzionale originale che i luminari padri costituenti avevano previsto ed indicato chiaramente

nell’art. 114 e nelle leggi di supporto, a cominciare dall’elezione diretta del Presidente e dei Consiglieri, quella investitura popolare e democratica che sancisce la responsabilità amministrativa, gestionale e contabile in capo agli eletti nei confronti degli elettori.

 

 

 

 

 

Articoli Correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button