Arte e CulturaPrimo Piano

Salpano Saturnia e Vulcania il gioioso arrivederci degli alunni dell’ “Arenella” all’Arsenale della Marina Regia

Hanno mollato gli ormeggi, pronte a tracciare nuove rotte e fantastiche avventure Saturnia e Vulcania le due motonavi che hanno animato con le loro immagini, fotografie, storie, racconti, documenti e reperti i saloni del Museo del Mare.
Saturnia e Vulcania le due lussuose imbarcazioni transoceaniche, dai potenti motori che per più di 40 anni hanno solcato gli oceani destinazione States e Sud America.
Allora si era ben lontani dalle crociere aperte a tutti e nelle due imbarcazioni tutto era pronto a trasformarsi come in un set cinematografico e così mentre sul ponte era la cena in abito da sera al tavolo con il comandante ad animare le lunghe serate di navigazione, nei piani più bassi c’era chi, cullato dallo sciabordio delle onde era pronto a scommettere sulla nuova opportunità di vita, offerta dal lungo e interminabile viaggio.
Sono stati più di 500 ragazzi dell'”Arenella” a dare il gioioso e meritato arrivederci alla mostra che tanto ha saputo trasmettere ai visitatori; la freschezza di tanti piccoli marinai cresciuti in una delle borgate che per antonomasia rappresenta il mare in città, tutti a bordo per un giorno, non è un addio ma soltanto un arrivederci.

Massimo Brizzi

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button