L'Avvocato del MartedìPrimo PianoRubriche

RUBRICA DELL’AVVOCATO DEL MARTEDI’_ NOVITA’ SUPER-GREEN PASS: LE NUOVE REGOLE DAL 10 GENNAIO

a cura dell’Avvocato Francesca Paola Quartararo

Il super green pass cos’è e come funziona?

La certificazione verde “rafforzata” nata con l’obiettivo di arginare i contagi COVID al fine di scongiurare un’eventuale e presente “quarta ondata”, rilasciato con la sola vaccinazione o guarigione  da Covid-19) diventa obbligatorio per partecipare ad una serie di attività ludico-ricreative. Il capo di Gabinetto del Ministero dell’Interno il ministro Bruno Frattasi ha firmato una circolare illustrativa dell’applicazione del super green pass.

Il super green pass, certificazione verde rafforzata rilasciata solamente in caso di avvenuta vaccinazione o guarigione da Covid-19, per cui è esclusa la possibilità di fare tamponi, vediamo quali sono gli ambiti di applicazione dovute a  seguito della delibera del nuovo decreto sulle misure di contenimento della pandemia da Coronavirus:

  • Nuove regole della quarantena per i vaccinati;
  • Modifiche al certificato verde rafforzato;

Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza del 31/03/2022 verrà esteso l’uso

del Green Pass rafforzato alle seguenti attività:

– alberghi e strutture ricettive;

– feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose;

– sagre e fiere;

– centri congressi;

– servizi di ristorazione all’aperto;

– impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici;

– piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto;

– centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto.

Inoltre il Green Pass rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale

Cosa succede in caso di contatto con un soggetto positivo al Covid-19?

QUARANTENA: Il decreto prevede che:

– la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo;

–  Fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e di effettuare – solo qualora sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso;

– Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati;

– in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.

Cosa si può fare con il Green Pass di Base?

A seguito del nuovo decreto, il quale ha sposato lo stato emergenziale al 31/03/2022, ha stabilito delle nuove regole, per cui con il Green pass base, ovverosia quello strumento che ti permette di ottenere la certificazione attraverso il tampone, sarà possibile dal 10 gennaio accedere:

  • Al luogo di lavoro;
  • Alle mense;
  • Ai concorsi pubblici;
  • Ai negozi e ai centri commerciali;
  • All’università.

Senza Green Pass Base e Super Green Pass si potrà accedere:

  • Taxi e autovetture fino a 9 posti;
  • Spostamenti con mezzo proprio;
  • Servizi alla persona;
  • Negozi fuori dai centri commerciali;
  • Centri commerciali (tranne nei week and, festivi e prefestivi)
  • Uffici pubblici per usufruire dei servizi;
  • Scuole superiori in qualità di studenti;
  • Attività sportiva e motoria all’aperto.

Quali le sanzioni?

Chi non è in possesso delle certificazioni verdi potrebbe rischiare:

  • Multa da 400 a 1.000 euro;
  • Chiusura dal 1 a 10 giorni dell’esercizio, qualora le infrazioni dovessero essere riscontrate per tre volte in tre giorni diversi;

Nel caso di controlli effettuati in un locale, venga accertata la non corrispondenza tra il possessore del green pass e l’intestatario del certificato, la sanzione verrà applicata solamente al cliente e non al gestore del locale.

Francesca Paola Quartararo

Avvocato Francesca Paola Quartararo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button