L'Avvocato del MartedìPrimo Piano

RUBRICA DELL’AVVOCATO DEL MARTEDI’_ IL COEREDE PUO’ USUCAPIRE UN BENE EREDITARIO …

 

a cura dell’Avvocato Francesca Paola Quartararo 

Cosa è l’usucapione?

Secondo la disciplina del diritto civile, l’usucapione è un modo di acquisto a titolo originario della proprietà e/o un diritto reale di godimento, che si realizza mediante il possesso protratto nel tempo. Gli elementi indispensabili perché si possa usucapire un bene altrui sono:

  1. Il possesso della cosa in modo pacifico, cioè il possesso del bene deve essere ottenuto in modo sereno e tranquillo non in modo violento o clandestino;
  2. Il trascorrere di un determinato periodo di tempo, cioè in modo continuo ed interrotto nel tempo e non in modo occasionale.

Il fattore tempo nell’usucapione è una circostanza necessaria per definirne l’acquisto della proprietà, difatti, il possesso deve essere ininterrotto e continuo, cioè il possesso non deve subire interruzioni e/o intervalli di tempo.

Il tempo necessario perché si possa realizzare l’usucapione di un bene altrui dipende da diversi elementi:

  • Dalla situazione soggettiva del possessore (buona o in mala fede);
  • Dalla categoria del bene e dall’esistenza o meno di un titolo idoneo;
  • Dall’esistenza della trascrizione (per i beni mobili registrati e/o per gli immobili).

Difatti, il proprietario del bene, se vuole impedire che il possessore ne acquisti la proprietà deve porre in essere atti interruttivi dell’usucapione, cioè dimostrare di voler mantenere la proprietà dell’immobile, pur essendo questo nel possesso di un altro soggetto.

Facciamo un esempio: il classico caso scolastico, è quello dell’usufrutto di un immobile a titolo gratuito che, se protratto per 20 anni, potrebbe portare all’acquisto della proprietà da parte dell’usufruttuario, salvo che il proprietario interrompa il trascorrere del tempo in modo ininterrotto e continuo, attraverso il pagamento di un canone di locazione e/o la registrazione di un comodato d’uso gratuito.

La disciplina dell’acquisto di proprietà per usucapione è varia, dunque, entriamo nel merito della divisione ereditaria analizzando la specifica disciplina:

L’usucapione in materia ereditaria, nella specie, quando un coerede, rimasto nel possesso del bene ereditario dopo la morte del de cuius possa diventare proprietario usucapendo le altre quote.

Facciamo un esempio: Tizio, a seguito della morte del padre Mevio con cui conviveva, si trova già nel possesso dell’immobile (di esclusiva proprietà del padre) e dispone dell’unico mazzo di chiavi.

Tizio, può diventare unico erede dell’appartamento del padre escludendo la comproprietà degli altri eredi?

In virtù del principio di “comune ereditaria” disciplinata dalle norme del codice civile, è impedito al singolo coerede e comunista la possibilità di invocare l’acquisto per usucapione della proprietà esclusiva di un bene ereditario.

Infatti, il coerede che abbia continuato, dopo la morte del de cuius, ad essere il solo ad avere la disponibilità dell’appartamento, disponendo dell’unico mazzo di chiavi, non è idonea ad attestare il possesso esclusivo del bene necessario per l’usucapione dell’immobile.

Servono altri presupposti, infatti, per far scattare l’usucapione dell’eredità indivisa.

Infatti, la Corte di Cassazione (Cass. Civ. n. 10512/2018) ha affermato che il singolo coerede può invocare l’acquisto per usucapione delle quote di comproprietà spettanti agli altri eredi solo se il suo possesso è esclusivo. Dunque, si deve dimostrare non solo di aver esercitato sul bene comune un potere di fatto non violento, non clandestino e non equivoco, ma anche di aver esercitato tale potere come se fosse l’unico proprietario del bene e quindi in modo tale da escludere il godimento da parte degli altri coeredi.

Il singolo coerede potrà ottenere l’accertamento dell’avvenuta usucapione delle quote di comproprietà degli altri coeredi solo dimostrando di aver posseduto non come comproprietario bensì come proprietario esclusivo.

La Corte di Cassazione con ordinanza n. 9359/2021 ha chiarito: “a seguito della morte del de cuius, il coerede rimasto nel possesso del bene ereditario può usucapire prima delle divisione le quote degli altri eredi, senza necessità di interversione del titolo del possesso, ma per farlo è tenuto a estendere tale possesso in termini di esclusività e ciò avviene qualora il coerede goda del bene con modalità incompatibili con la possibilità di godimento altrui e tali da evidenziare un’inequivoca volontà del possessore “uti dominus” e non più “uit con dominus”.

Per cui la Cassazione ha precisato che la mancata disponibilità delle chiavi dell’appartamento da parte degli altri coeredi non può essere ritenuta elemento di per sé necessario ad attestare il possesso per l’acquisto per usucapione della proprietà del bene. La circostanza che Tizio convivesse con il padre nell’appartamento e, quindi, avesse già le chiavi dello stesso, avendo continuato a essere il solo ad averne la disponibilità, per gli Ermellini non indica, di per sé, il possesso dell’immobile esclusivo.

 

La materia in oggetto necessita di ulteriori approfondimenti per la quale bisogna esaminarli in relazione al singolo caso concreto. Per maggiori informazioni e/o pareri in merito alla questione consultate il sito www.avvocatoquartararo.eu

Francesca Paola Quartararo

Avvocato Francesca Paola Quartararo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com