RUBRICA DELL’AVVOCATO DEL MARTEDI’_ CHIUSURA DEL PONTE CORLEONE: DIFFICOLTA’ PER IL NUOVO ANNO

a cura dell’Avvocato Francesca Paola Quartararo

Il Ponte Corleone costruito nel 1962 nella zona della circonvallazione con l’obiettivo di collegare la città di Palermo con l’autostrada verso Catania e Messina, con l’entrata del nuovo anno compirà sessant’anni. Oggi è il protagonista indiscusso di disaggi e diatribe, poiché nonostante la veneranda età, il ponte è malridotto e danneggiato ha creato pesantissime ripercussioni sul traffico e sull’umor dei cittadini.

Dopo la chiusura prenatalizia e da un’attenta analisi della struttura del viadotto di viale Regione Siciliana, i risultati a cui è pervenuta l’azienda che si è occupata della perizia, sfortunatamente non lasciano ben sperare, poiché necessita di un’intensa fase di ristrutturazione della struttura pontuale, per cui l’Amministrazione Comunale dovrà trovare un’alternativa concreta alla mobilità cittadina.

Nella relazione della Icaro progetti, quale società incaricata delle verifiche sull’infrastruttura, si appura un “forte degrado, vistosa lesione su un pilastro e infiltrazioni d’acqua” e “infiltrazioni abbondanti di acqua dai giunti”.

A tal proposito il Consigliere Comunale capogruppo e vicesegretario regionale UDC di Sicilia, Elio Ficarra chiede all’amministrazione Comunale, rivolgendosi direttamente al Sindaco di Palermo: “il ponte di Corleone è un pericolo per l’incolumità per tutti cittadini, l’Amministrazione Comunale ha da troppo tempo trascurato questo enorme problema, facendo passare mezzi pesanti di tutti i tipi e senza più nessun restringimento di carreggiata, da troppo tempo non esiste più alcun tipo di controllo sul ponte arrivando ad una situazione di capolinea infernale. Inoltre, data la cattiva amministrazione Comunale senza alcuna sicurezza per i cittadini che si accingono a passare necessariamente dal ponte di Viale Regione, il Sindaco Orlando deve dimettersi al fine di garantire un buon sistema di gestione comunale che fino ad oggi è stato assolutamente assente, prima che si arrivi alla catastrofe preannunciata. Inoltre, i lavori di ristrutturazione del ponte devono iniziare subito per tranquillizzare la collettività”.

Di converso l’amministratore Comunale che si è detta dispiaciuta per i danni e disagi arrecati ai cittadini per le restrizioni sul ponete Corleone, si legge in una nota, che queste misure non sono il risultato di scelte politiche assunte dall’amministrazione comunale ma attengono ai pareri tecnici frutto delle indagini condotte dalla società “Icaro Progetti” che impone di restringere, in accordo con il Commissario Matteo Castiglioni, le carreggiata per i motivi di sicurezza ed incolumità pubblica.

 

Exit mobile version