Arte e Cultura

“Rosso Fuoco” di Sara Favarò e Grazia Alia: domenica ai Cantieri Culturali

Rosso Fuoco di Sara Favarò e Grazia Alia, sarà presentato giorno 22 alle ore 17,30 ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, Biblioteca Gramsci, dal critico letterario Aldo Gerbino. Interverranno le Autrici. La manifestazione è inserita nel programma della Settimana delle Culture di Palermo.

Venti racconti di due amiche, Sara Favarò e Grazia Alia, una artista e l’altra anestesista, per scoprire assieme, e per aiutarci a vedere, quello che spesso si nasconde dietro il semplice apparire.

Questo è ciò che scrive Simonetta Agnello Hornby nella prefazione al libro:
Rosso Fuoco, un fuoco sacro e di amore. Una raccolta di storie vere e delicate, sensitive e rispettose nei riguardi delle persone di cui parlano. Scritti con la tecnica dell’io narrante, i racconti delle due autrici sono accomunati dall’amore verso gli altri, presente e vivido in ciascuna di loro, e da una scrittura semplice ed efficace. Grazia Alia, anestesista di professione, è alla sua prima opera di scrittura pubblicata. Si descrive come “nè scrittrice nè nota”. In realtà “è” una scrittrice. Così si rivela nella sua prosa tersa e accorata, nelle descrizioni di posti e di situazioni, nel tatto con cui parla dei suoi pazienti e nel senso di humour che traspare qua e là. Grazia Alia ama il suo lavoro; come tutte le grandi donne è modesta e pronta a dare ad altri il merito del proprio successo. è una gran donna ed è stato un privilegio leggere quanto da lei scritto. Grazia Alia racconta con sensibilità e pudore le storie dei propri pazienti. Tutta la vita in un carpetta gialla è un piccolo capolavoro che mi ricorda Maupassant; è per mia madre è una storia densa di pathos e tenerissima. L’autrice descrive con arguzia gli incontri occasionali per strada, in ospedale, e perfino in treno. Nello splendido diario della sua avventura nel Bangladesh, che da solo rende questo libro memorabile, Grazia Alia dimostra di avere vero talento. Sara Favarò ha una lunga cariera di artista e scrittrice, amatissima dal suo pubblico. Sara scrive come parla, con la verve di chi ha il gusto di raccontare, divertente, commuovente, dotta, arguta. Sara eccelle nei ricordi di infanzia, e nelle ricerche storiche. Le suore e il bambino sorteggiato, è un piccolo cameo. Alcuni racconti sembrano inventati come Anna e la Funza, mentre sono storie accadute veramente. La dimestichezza di Sara Favarò con le parole scritte è evidente nei suoi racconti personali e diventa commuovente quando parla della propria madre, che fu accompagnata nei suoi ultimi giorni dalle cure di Grazia Alia. L’amicizia tra le due donne è nata allora, e ci ha regalato questo libro profondo e godibilissimo libro, che mi ha sollevato lo spirito”.

Il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, nella postfazione a Rosso Fuoco, scrive:
“Sara e Grazia, stessa età, stesso numero di storie, entrambe artiste e anestesiste. Una artista che scrive verità come fossero inventate e che come una anestesista addormenta per vivere meglio. Una anestesista che addormenta per vivere meglio e che come una artista scrive verità come fossero inventate. Verità e invenzione: per raccontare oltre la verità e oltre la invenzione. Dormire e vivere: per raccontare oltre il sonno e oltre la vita. Le parole sono tutte eguali, tutte perfette, tutte morte. Le storie sono tutte diverse, tutte imperfette, tutte vive. Mentre molti comunicano con parole, Sara e Grazia comu- nicano con storie. E le storie comunicano più e meglio delle parole.”

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button