Politica

Rinvio voto provinciali. Avanti: “Perché Crocetta ha fatto marcia indietro?”

Giovanni Avanti (foto internet)

“Chiederò al Presidente della Regione Rosario Crocetta e all’assessore alle autonomie locali Patrizia Valenti, ma anche ai capigruppo all’Ars, un vertice ufficiale per determinare un percorso chiaro sul futuro delle Province siciliane”. Lo afferma il Presidente della Provincia regionale di Palermo e Presidente dell’Unione regionale Province siciliane Giovanni Avanti.

“Andare subito al voto – afferma Avanti – era una soluzione condivisa dalla maggioranza delle forze politiche presenti all’Assemblea Regionale. La decisione di Crocetta ci era sembrata una prova di concretezza e di ritorno alla politica vera, lontana dall’ipocrisia e dal populismo che impera in questi giorni. Votare è la massima espressione della democrazia, la maniera per far esprimere ai cittadini la loro opinione.

Il commissariamento rappresenta, invece, la sconfitta della politica. Tengo a sottolineare che noi tutti, cittadini ancora prima che amministratori, siamo convinti della necessità di una riforma che attribuisca compiti precisi e risorse alle Province nella direzione di un alleggerimento delle competenze delle Regioni e di una contrazione della spesa pubblica.

Avevamo inoltre proposto – aggiunge Avanti – un sostanziale taglio degli organi politici (giunte e consigli), e l’eliminazione dei tanti enti ed organismi decentrati (Ato, Iacp, Consorzi di bonifica e altri) che esercitano funzioni a livello provinciale, affidandone i compiti alle Province con un ulteriore taglio alla spesa. Adesso, come Unione delle Province, vogliamo chiedere al presidente della Regione il perché di questa marcia indietro”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button