CronacaPrimo Piano

POLIZIA DI STATO, PALERMO: OPERAZIONE GLAUCO 4 – HAWALANEF’. 14 STRANIERI ARRESTATI

IL MINISTRO LAMORGESE PROBABILMENTE SOTTOVALUTA IL FENOMENO

E’ ORAMAI CERTIFICATO  LA MIGRAZIONE CLANDESTINA E’ L’AFFARE DEL SECOLO.

IL GOVERNO ITALIANO CON QUESTA MODALITA’ DI GESTIONE DELLA MIGRAZIONE FAVORISCE E INCREMENTA L’AFFARE DELLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA.

LA POLIZIA NON CON POCA FATICA CERCA DI PORTARE ORDINE, MA CERTAMENTE LA SITUAZIONE PUO’ SOLTANTO AGGRAVARSI.

IL MINISTRO LAMORGESE PROBABILMENTE SOTTOVALUTA IL FENOMENO

 

PALERMO: OPERAZIONE GLAUCO 4 – HAWALANEF’.

La Polizia di Stato ha eseguito il fermo di indiziato di delitto disposto dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Palermo a carico di 14 cittadini stranieri accusati di appartenenza ad un’associazione a delinquere transnazionale finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e all’esercizio di abusiva attività di prestazione di servizi di pagamento e altri delitti contro la persona, l’ordine pubblico, il patrimonio e la fede pubblica; condotte criminali aggravate dall’aver commesso il fatto avvalendosi del contributo di un gruppo criminale organizzato impegnato in attività criminali in più di uno stato.

A seguito di articolate indagini svolte dalla Squadra Mobile di Palermo e dal Servizio

Centrale   Operativo.e   coordinate   dal   Procuratore   di   Palermo   Francesco   LO   VOI,   dal

Procuratore Aggiunto Marzia SABELLA e dai Sostituti Procuratore Gery FERRARA, Claudio

CAMILLERI e Giorgia RIGHI,  è stato individuato un sodalizio criminale, con cellule operanti

in Africa, in diverse aree del territorio nazionale e in altri paesi europei e non, che ha operato

su due fronti diversi, ma strettamente interconnessi fra loro: il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e l’esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria tramite il cosiddetto metodo “hawala”, utilizzato principalmente per il pagamento dei viaggi dei migranti o del prezzo della loro liberazione dalle “safe house” in territorio libico.

L’indagine costituisce la naturale prosecuzione delle operazioni “Glauco I -II -III” condotte tra il 2013 ed il 2017 che hanno consentito, nel tempo, di individuare ed identificare numerosi trafficanti di esseri umani operanti sulla c.d. rotta del Mediterraneo centrale, molti dei quali già condannati anche in via definitiva  a pesanti pene detentive, ed i loro referenti sul territorio italiano.

Già nel corso delle indagini denominate GLAUCO era emerso il ruolo di Ghermay ERMIAS

@ Alem ERMIAS – destinatario di più misure cautelari e tutt’ora latitante – e proprio dallo sviluppo delle indagini finalizzate alla sua  ricerca, anche attraverso attività di cooperazione internazionale  svolte ai  sensi  della  Convenzione  di  Palermo  sui  crimine  organizzato transnazionale, è stata  ricostruita l’associazione a delinquere in oggetto operante tra il Centro

Africa (Eritrea, Etiopia, Sudan), i paesi del Maghreb (soprattutto la Libia), l’Italia (Lampedusa, Agrigento, Catania, Roma, Udine, Milano), nonchè vari paesi del Nord Europa (Inghilterra, Danimarca , Olanda, Belgio e Germania) e numerosi reati-fine commessi dagli appartenenti alla stessa.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: