Primo PianoSindacato

Pesca. Messina (Ugl Sicilia): Confronto positivo, serve cambio atteggiamento Ue su Mediterraneo

“Serve un cambio di mentalità e regole specifiche per il Mediterraneo. Il fallimento della politica comune della pesca, che continua a imporre misure restrittive è fatto assodato nei numeri e nel mancato contenimento dello sforzo di pesca.

Sacrificare l’attività delle imprese siciliane senza una condivisione con i paesi extra Ue che si affacciano sul Mediterraneo e che operano con flotte di pesca organizzate non ha alcun senso e produce solamente l’impoverimento delle marineria italiane e siciliana in particolare.

Così come non è più sostenibile che il Mediterraneo sia stato chiuso da unilaterali decisioni di estendere la zona economica esclusiva, riducendo sempre più l’attività di pesca”.

È quanto dichiarato da Giuseppe Messina, Segretario Ugl Sicilia, nel commentare l’esito dei lavori della seduta della Commissione Consultiva regionale della Pesca.

“Apprezziamo l’impegno del governo Musumeci e del suo assessore regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo rurale e della Pesca mediterranea, Toni Scilla, figura proveniente dal mondo peschereccio, nel volere sostenere e difendere, a tutto tondo, i diritti della pesca siciliana – prosegue – a partire dal sollecitare l’apertura di un confronto  sull’accesso alle acque pescose, sulle misure comuni di conservazione delle risorse ittiche e di contenimento dell’inquinamento”.

“Dal dibattito è emersa una comune condivisione delle parti sociali presenti nel sostenere l’azione del governo Musumeci verso l’esecutivo nazionale e l’Unione Europea per la risoluzione dei problemi che interessano il settore – chiarisce Messina – e come Ugl abbiamo espresso totale contrarietà rispetto al progetto di realizzazione di un parco eolico off-shore al largo della Sicilia, tra le isole Egadi e la Tunisia ed un preciso impegno per spingere verso Roma per assicurare la sorveglianza pesca e verso Bruxelles per la risoluzione definitiva della questione libica e della guerra del pesce”.
“Ugl ha accolto con favore i decreti ministeriali che autorizzano la pesca sperimentale del rossetto e del cicerello – conclude il Segretario Ugl Sicilia – ed auspica la celere emanazione della relativa circolare assessore che consentirà l’avvio del piano sperimentale ed a chiesto a Scilla l’impegno  di proporre al Ministero un piano sperimentale per la pesca della sardina”.

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button