Primo PianoSpazio Libero

Pensieri&Parole, Sogno o realtà

Sogno
Realtà
Sogno o realtà
Realtà o sogno
Viviamo un sogno
o viviamo una realtà
È meglio vivere un sogno
o è meglio vivere una realtà?
Avvolti nel mistero
ci trasciniamo
in questo enigma
per l’eternità

Partendo da questa prosa un po’ scanzonata, alla Gigi Marzullo, così come mi ha detto il mio amico Ninni, voglio affrontare in questa pagina la tematica del sogno e della realtà.

Secondo il dizionario Treccani:

“sogno: Attività mentale che si svolge durante il sonno, a carattere involontario e non intenzionale; si esprime prevalentemente con immagini visive, spesso a carattere molto vivido; realtà: Dal lat. realitas. La qualità e la condizione di ciò che è reale, che esiste in sé e per sé o effettivamente e concretamente. Così considerato, il concetto di r. si contrappone sotto un primo aspetto a quelli di necessità e di possibilità, sotto un secondo aspetto a quello di apparenza e sotto un ultimo aspetto a quello di idealità”.

La mia amica Lidia, leggendo la mia breve prosa, mi ha detto “meglio vivere un sogno che diventa realtà”.

In effetti come le si può dare torto. Tutti noi abbiamo un sogno nel cassetto che vorremmo che diventasse realtà, vivere, realizzare, rendere reale un sogno come nelle favole che da bambini le nostre nonne o le nostre mamme ci raccontavano per tenerci buoni e per farci addormentare nella speranza che durante il sonno si vivesse nell’immaginario quella favola.

Da piccoli ci accontentavamo di poco, quindi i nostri sogni riguardavano cose effimere di poco conto; con il crescere i nostri sogni hanno preso più spessore, vorremmo che si realizzassero cose più concrete per il bene nostro e per chi ci sta vicino, ad esempio i nostri figli.

Vi sono due tipi di sogni: quelli un po’ più materiali come per esempio possedere una determinata macchina o una casa fatta in un certo modo, avere tanti soldi e fare il giro del mondo; ed i sogni più profondi, quelli che riguardano magari la pace nel mondo oppure il desiderare un mondo senza disuguaglianze e persino senza inquinamento. Tanti “vorrei”, insomma.

Però, c’è un però, non esistono solo i sogni belli, purtroppo esistono anche quelli brutti di sogni. Questi ultimi spesso sono dei veri e propri incubi.

Gli incubi sono una reazione fisiologica e psicologica che appare durante la fase paradossale del sonno. Si tratta di sogni morbosi e angoscianti che hanno come caratteristica principale la percezione di un peso immaginario sul petto. Traducono un’angoscia, un timore recente, una disfunzione e mettono in scena, nella maggior parte dei casi, un evento della vita reale. Si possono anche riferire a ricordi lontani, che risalgono a molti mesi o anni addietro.

Dopo un incubo, ci si sveglia con una sensazione di disagio, col cuore che batte a mille all’ora, sudati, spaventati o disorientati. L’individuo svegliatosi da un incubo tende a non riaddormentarsi, temendo, più o meno inconsciamente, di rivivere la brutta esperienza.

Cosa dire sulla realtà, ognuno di noi vive una realtà diversa da quella degli altri, e meno male, vi immaginereste se una o più persone vivesse la stessa realtà? Mamma mia che incubo!

Tornando all’argomento trattato “Sogno o realtà, realtà o sogno”, voglio concludere questo breve articolo con il pensiero positivo della mia cara amica Lidia: “meglio vivere un sogno che diventa realtà”.

È un augurio che voglio rivolgere a tutti i miei lettori che i nostri sogni diventino realtà, l’importante è “credicci”. 

Alla prossima

Car@Pippo

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: