Spazio Libero

Pensieri&Parole, La famiglia scomparsa. “Il mito dello zio d’America” (seconda parte)

Pensieri&Parole, La famiglia scomparsa. “Il mito dello zio d’America” (seconda parte)

Con tutto quel trambusto che si era ormai creato in strada una figura maschile ben vestita si affacciò al balcone, un sorriso smagliante si stampò su quel volto, era una persona dai capelli bianchi che in uno stentato italiano-dialettale tra il silenzio della gente disse “ora scinnu e accusì parramu un poco”.

Rimasero tutti a bocca aperta ed in massa si chiesero chi fosse quella persona. Di lì a poco il portoncino si aprì e quel, signore in doppio petto a righe uscì in strada e cominciò a stringere mani e salutare con un sorriso smagliante stampato sul suo volto, e rivolgendosi ai più anziani disse: “io sugnu u fighiu minore ru zu Cicciu, un m’arricanusciti? Tanto tempo era passato solo i più anziani videro in lui la figura del padre, si era lui non c’era dubbio, allora cominciarono ad avvicinarsi uno alla volta per abbracciare e baciare quest’uomo, sembrava come se fosse ritornato dal regno dei morti un loro caro, a questo punto cominciarono le domande, lui con il cenno della mano fece il segno di calma, calma e cominciò a parlare, “sulu u sinnacu sapia del miu arrivu ci lu scrissi via e-mail e poi ni sintimmu pi telefono e semu d’accordu ca mi viremu tutti a lu teatro rumani a sira e da vi cuntu tuttu, ora sugnu stancu pi lu viaggiu e voghiu riposarmi, sabbenerica a tutti” salutando con la mano giro i tacchi e se ne rientro a casa!

I paesani sempre più stupiti e meravigliati nello stesso tempo, si cominciarono a fare tante domande poi la zia Petra, l’altra vicina anziana disse “facimu silenzio sinnò comu arriposa … ” li un attimo di smarrimento non si ricordava come si chiamasse, comunque tutti le ubbidirono e piano piano si allontanarono anche se mugugnando.

Il sindaco, nel frattempo, fece appendere degli avvisi per invitare i compaesani ad intervenire all’incontro che si sarebbe svolto il giorno seguente di sera al piccolo teatro-cinema del paese.

Quella sera il piccolo teatro era gremito fino all’inverosimile molta gente era rimasta in piedi, sul palco con la fascia tricolore, come nelle grandi occasioni, il sindaco, l’assessore al turismo ed il parroco, ancora l’ospite d’onore non era arrivato.

Da lì a poco si udì un voce dal fondo della sala un compaesano gridò “fati largo ca sinnò comu fa a passari” e quindi facendosi spazio tra due ali di folla, stringendo mani a dritta e a manca ecco l’oggetto misterioso che si accompagnava al braccio di una figura femminile molto più giovane di lui, finalmente riuscì a salire sul palco. Il sindaco fece gli onori di casa e naturalmente fu il primo a parlare: “cari compaesani questa sera vi ho riunito qui su richiesta specifica di mister Peppino figlio del nostro compaesano Ciccio, famiglia che tanti anni fa sembro scomparsa nel nulla ora lui stesso vi racconterà cosa veramente accadde” brusio in sala, brusio che terminò non appena  cominciò a parlare l’ospite “cari paesani iu e la me famighia me patri, me matri e me frati u ranni, tanti anni fa ninni jammu ru paesi senza riri menti a nessuno manco ai parenti, parenti ca avissiru vulutu esseri a u nostru postu, specie u frati di me pá, qualchi misi prima ca scomparissimu arrivò a casa una littra ru frati di me patri che anni prima era emigratu America, si trattava di un attu di richiamu pi ghiri puri nuavutri a ‘merica e c’erano puru i biglietti pi l’aero, fatti i dovuti carti pi partiri zittu iu e zittu iu senza riri nenti, una notti ni vinni a pigghiari un taxi e cu pochi baligi ninni jamu in città e di lì a pocu pighiammu l’aeriu e ninni jammu a New York ne me ziu, a mia e a me frati u papà n’aveva rittu ca ci javamu pi passari i vacanzi estive, sulu da ni rissi ca si ni piaceva potivamu arristaricci, e accusì fu, iddu cominciò a travagghiari na un locali ca so frati ci arrialó e me matri faciva a cassiera, iu e me frati riprendemmo gli studi iddu si laureò comu avvocatu io comu incigneri. Ma u veru motivu pi cui ninni ammu accussì di prescia fu ca me matri, comu molti nó paisi soffriva ri da malatia nó sangu ca doppu tanta soffirenza porta a paralisi e poi alla morti e dá a New York c’era un prufissuri ca stava sperimentannu una nova cura e me ziu ni rissi di veniri di cursa ca un c’era tempu di perdiri e accussì fatti i carti ri cursa tra un viriri e sviriri partimmu senza riri nenti a nuddu. Unn’avimmu tempu ri avvisati i nostri parenti picchí me matri arrivata dá si aggravó e doppu un ci pinsammu chiú, più u tempu passava e chiú un si pinsava ri farinni sentiri. Me matri grazie a du prufissuri e alla so cura si ristabilì e campò fino a qualichi annu fa chiossai ri me patri, in puntu ri morti idda, a mia e a me frati ni fici prumettiri, visto ca eramu diventati ricchi, me patri oramai pussireva una catina di ristoranti ed avutri negozi in giru pi l’America e io e me frati chi nostri misteri stamu puru boni, ca avevamu a turnari no nostru paisi e fari costruiti un spitali, runni putiri curari sta malattia rara ca ogni annu ammazza un sacco ri paesani ed eccomi cá, me frati un potti veniri pi i so impegni di travaggiu ma appena a struttura sarà rializzata iddu verrà, i travagghi li voghiu seguimi iu stessu, e me fighia ca è medica, si specializzò proprio a scola di stu prufissuri ca sarbò a me matri, voli seguiri i malati ru paisi e va cuntatu u fattu e li nostri intinzioni”.

Ci fu un attimo di silenzio e meraviglia nello stesso tempo ma poi partì un applauso che duro degli interminabili minuti, il sindaco si impegnò a fare avere tutte le autorizzazioni in tempi rapidi e …

Questa volta non ho voluto tediarvi con fatti e fatterelli dei nostri tempi e su come la penso io in merito, ma ho voluto scrivere una storiella, in essa c’è molta fantasia ma un pizzico di verità piccolissima forse c’è, il mito dello zio d’America è nel nostro dna, una speranza recondita che ognuno di noi tiene sepolta in fondo al suo cuore.

Cari lettori vi voglio bene

Car@Pippo

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: