Spazio Libero

Pensieri&Parole, Afflusso di pensieri

L’estate volge al termine, l’estate sta finendo (come recitano i versi di una nota canzone degli anni ’80). Sì, tra qualche giorno, come stabiliscono i dettami delle stagioni, l’estate sul calendario finirà ed entrerà l’autunno. Ma è davvero così?

Non mi sembra proprio; il caldo insopportabile di questa stagione non accenna a finire, la frase più ricorrente è “non mi ricordo un caldo così intenso come quello di questa estate”. Già, dimentichiamo quelli degli altri anni, sarà che oramai ci siamo assuefatti alla vita moderna. Adesso abbiamo tanti di quei benefici: l’aria condizionata ad esempio, molto diffusa ai nostri giorni, che ci fa vivere condizioni di vita migliore rispetto al passato. I semplici ventilatori non si possono paragonare a quella sensazione di freschezza che ci forniscono i condizionatori.

Però i consumi di energia elettrica aumentano a dismisura, la bolletta energetica che il mondo tecnologicamente più avanzato deve pagare, non ha limiti; come si sa molti paesi non hanno disponibili tante risorse nei propri territori e quindi devono acquistare i prodotti energetici da paesi terzi. Per accaparrarci una buona fornitura siamo disposti a chiudere un occhio sulle nefandezze che questi paesi compiono nei confronti delle loro popolazioni o delle popolazioni vicine. Poi non parliamo della lobby delle armi: sono sempre in frenetica attività, gli interessi economici sono altissimi.

Ma torniamo all’estate, non mi va di incartarmi su temi troppo scabrosi; non ultimo quella straziante immagine di quel bambino di tre anni morto innocentemente alla ricerca, inconsapevole, della libertà. Mi sovviene una battuta “la libertà, questa sconosciuta”. Ci illudiamo di essere liberi ma non lo siamo, non lo siamo per niente. Anche nel mondo occidentale, quel mondo che si definisce civile, sono i potentati a detenere il destino dei popoli, loro sono i burattinai che ci manovrano a loro piacimento e noi siamo pecoroni, tanti “inconsapevoli” che ci facciamo manovrare.

Ho divagato nuovamente, ma sono troppo ma troppo “incazzato” per gli avvenimenti di questi giorni; i vari governanti non si rendono conto, o fanno finta di non rendersene conto, di quello che sta accadendo. Non sanno affrontare questo esodo biblico ed ancora perdono tempo per porvi rimedio, certo non è cosa facile, ma si ci doveva pensare prima. Insomma, le avvisaglie c’erano tutte. E che “cazz”, bisogna afferrare il toro per le corna!

Bisogna andare lì sul posto dove imperversano questi conflitti e ristabilire la pace, è chiaro questo costerà delle vite umane ma è un pegno che bisogna pagare per ristabilire gli equilibri in quelle parti del mondo dove dei pazzi scatenati stanno sovvertendo il vivere civile, trincerandosi dietro falsi miti religiosi. Bisognerebbe mettere in un angolino, so che è molto ma molto difficile, la lobby delle armi, bisogna crederci ed agire, e non ultimo bisognerebbe mettere in un angolino anche e sopratutto le lobby internazionali che speculano sui profitti ed affamano nel mondo le varie popolazioni, compresa la nostra.

Eh già, neanche noi siamo immuni. Che sarebbe bello vivere in armonia ed in pace, ma qualcuno mi dice che finché ci sarà l’uomo noi di pace non ne vedremo mai. Dobbiamo quindi augurarci che l’uomo scompaia? Quella è la pace eterna, noi uomini di buona volontà la pace la vogliamo qui e non nell’aldilà.

Sì, ma il tema del caldo e dell’estate che fine ha fatto?

Eh già, il caldo, quest’anno è stato veramente insopportabile anche perché non è mai scemato.

Le temperature si sono mantenute, come dicono i meteorologi, al di sopra delle medie stagionali per un periodo molto, troppo lungo e non sembra intenzionato a lasciarci.

Dunque che fare?

Aspettate che mi accendo il condizionatore, alla bolletta ci penseremo dopo.

Ad maiora!

Car@pippo 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: