CronacaPrimo Piano

Palermo Via dell’Olimpo: aggredito Fabrizio Ferrandelli

[Circo Orfei] Aggredito capo dell’opposizione al Comune di Palermo

Ferrandelli (+E): “Non mi intimidisco, ancora più determinato in difesa animali e salute pubblica“


Palermo, 10 novembre 2020 – Aggredito durante una ispezione in via dell’Olimpo a Palermo, zona in cui gli era stata segnalata la presenza del circo Orfei, il capo dell’opposizione e componente della segreteria nazionale di +Europa, Fabrizio Ferrandelli.

Il consigliere, a seguito di segnalazioni dei cittadini si era recato sul posto per verificare la presenza del circo e lo stato di cura degli animali. Lo stesso Ferrandelli, negli anni, è stato protagonista di battaglie per impedire la presenza del circo con gli animali nelle città italiane, ritenendolo un messaggio pericoloso di squilibrio nel rapporto uomo- animale e non educativo per le nuove generazioni.

Durante l’ispezione, davanti i cancelli, così come ripreso dalla diretta Facebook sulla pagina del consigliere comunale di +Europa, Ferrandelli è stato aggredito insieme a una sua collaboratrice dal personale del circo Orfei.

“Atti come questi non soltanto non ci intimidiscono, ma ci rendono ancora più determinati nella tutela dei diritti degli animali e del progetto educativo di cui sono portavoce – tuona Ferrandelli. La presenza del circo con gli animali lede l’immagine di Palermo, già capitale della Cultura, in più immaginare  la sua presenza in zona arancione e in piena pandemia mondiale grida vendetta.

Ho verificato che, dopo le battaglie degli anni scorsi- precisa – il Comune non ha concesso nessun luogo pubblico e che la presenza di Orfei è su area privata. Sto chiedendo il riscontro di tutte le altre autorizzazioni, sanitarie in testa.

Mi rivolgo al sindaco affinché mi affianchi in questa battaglia per la tutela dei diritti degli animali e della salute dei cittadini. E sto predisponendo una nota per il Comitato dei pubblici spettacoli – conclude Ferrandelli – affinché vieti, come sono certo, in osservanza al DPCM, questa barbarie”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com