CronacaPrimo Piano

Palermo, Tributi: Orlando fa chiarezza, ma non torna indietro. Ai furbi: pagate o vi chiudo l’attività

 

Il Consiglio comunale, com’è noto, ha approvato ieri sera il regolamento per il contrasto dell’l’evasione dei tributi locali “che in alcune zone della città e per alcune categorie commerciali – ha sottolineato il sindaco, Leoluca Orlando – ha assunto dimensioni assolutamente inaccettabili.”  

Bankitalia - IVA - TAsse

Le procedure sanzionatorie arrivano fino alla revoca della licenza e delle concessioni esistenti per le attività produttive o al diniego di autorizzazioni per l’avvio di nuove attività.

Peraltro, l’assemblea di Sala delle Lapidi, il 30 settembre scorso – proprio per venire incontro alle difficoltà delle imprese, a cui è stata imposta la sospensione delle attività a causa della emergenza sanitaria determinata dalla pandemia del COVID-19 –  ha approvato una importante modifica del regolamento per l’applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI).

Nel dettaglio, è stata deliberata la riduzione del 59%, sia nella quota fissa che nella quota variabile, pari a 19.069.715,69 euro ed un’ulteriore riduzione dell’11%, pari a 3.555.370,72 euro, con l’utilizzo della quota parte del fondo perequativo previsto stanziato con la Finanziaria regionale.

I beneficiari individuati appartengono a  ventuno categorie di attività: associazioni, musei, biblioteche, scuole, luoghi di culto; cinema e teatri; campeggi e impianti sportivi; stabilimenti balneari; esposizioni e autosaloni; alberghi con ristorante; alberghi senza ristorante; uffici e agenzie; banche, istituti di credito e studi professionali; negozi di abbigliamento, calzature, librerie e cartolerie; negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli e antiquariato; banchi di mercato di beni durevoli; attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista; attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista; attività industriali con capannoni di produzione; attività artigianali di produzione di beni specifici; ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie e pub; mense e amburgherie; bar, caffè e pasticcerie; banchi di mercato generi alimentari; discoteche e night club.

“Le gravissime difficoltà economiche e finanziarie di molti professionisti e imprenditori – ha dichiarato il sindaco – non possono fare dimenticare il danno che l’evasione massiccia di alcuni tributi, soprattutto la TARI, ha arrecato e arreca alla città. Proprio per questo, prima ancora del regolamento per il contrasto all’evasione, sia la Giunta sia il Consiglio hanno sostenuto la necessità di venire incontro a chi è stato danneggiato dal lockdown e dalla riduzione delle attività, rendendo evidente che occorre fare una netta distinzione fra chi è in difficoltà oggi e chi da sempre prova a fare il furbo a danno della collettività”.  

Le agevolazioni verranno calcolate automaticamente per tutte le classi tranne che per i campeggi, gli impianti sportivi, i negozi di abbigliamento, calzature, librerie e cartolerie. Per quest’ultime utenze, il beneficio dell’agevolazione, è riconosciuto su apposita dichiarazione dell’interessato da presentare, esclusivamente attraverso il servizio di protocollo on line disponibile sulla piattaforma informatica denominata “cassetto tributi”, entro il termine dell’1 marzo 2021.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com