Economia e Lavoro

Palermo, teatri privati comunicano ai sindacati i licenziamenti

“I teatri privati hanno detto basta e in una nota diffusa ai sindacati hanno comunicato l’intenzione di licenziare tutto il personale in servizio, circa 300 persone, alla fine della stagione in corso e aggiungono, di essere seriamente preoccupati sulla fattibilità della realizzazione dei cartelloni programmati per la prossima stagione. La ricaduta economica sul territorio sarà catastrofica”.

Ad annunciarlo in una nota sono Francesco Assisi Segretario Fistel Cisl Palermo Trapani e Michele De Luca il coordinatore degli Spettacoli per la Fistel. “La concretizzazione di questo piano, porterebbe alla paralisi di un indotto in cui trovano occupazione migliaia di operatori fra attori, artisti, musicisti, danzatori, cantanti e maestranze tecniche. Una grande sconfitta per una Regione con un tessuto sociale a rischio come il nostro e soprattutto una ‘regressione socio-culturale’ che nella pesante ricaduta sul territorio mette a rischio ogni tipo di valori sociali e morali”.

Assisi e De Luca elencano i motivi della crisi del settore “L’assenza di interventi programmatici, il pesantissimo taglio di risorse pubbliche destinate ai Teatri privati, l’emissione di una circolare Regionale che di fatto annulla la possibilità di acquisto di spettacoli e produzioni da circuitare sul territorio siciliano,ncesc il ritardo nel trasferimento dei fondi stanziati da parte delle pubbliche amministrazioni (che produce enormi interessi passivi che annullano di fatto parte dei finanziamenti), la mancanza di trasparenza nei criteri di assegnazione dei contributi, la mancanza di una progettualità che porti stimoli l’interesse di sponsor ed investitori privati, sono i fattori in cui ricercare la causa del fallimento dell’intero sistema teatrale”.

“Il momento è arrivato – aggiungono – , ne abbiamo dato avvertimento in questi ultimi mesi ponendo l’accento sulla profonda crisi che il settore Spettacolo dal Vivo, un settore ampio composto da migliaia di operatori che prestano la loro professione non solo nei teatri pubblici, ma anche nelle realtà teatrali private”.

“Chiediamo con forza un impegno alla Regione e a chi amministra i Comuni nel cui territorio si trovano le istituzioni Teatrali. Più di tutti il sindaco Leoluca Orlando, che ha costruito un’intera campagna elettorale sulla cultura e su come questa possa essere garanzia di sviluppo e rilancio economico e sociale per Palermo; concetto ribadito nel momento in cui ha candidato questa città fra le Capitali Europee della Cultura, proprio lui a cui riconosciamo capacità ed interesse, non deve dimenticare di essere di fatto il garante istituzionale in un percorso di risanamento, rilancio e soprattutto nella ricerca di sponsor privati e di risorse aggiuntive” concludono Assisi e De Luca.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com