PoliticaPrimo Piano

Palermo, TARI: Randazzo (M5S) “la tassa in bolletta potrebbe starci per la sua capogruppo Lo Monaco, NO

Palermo, TARI: Randazzo (M5S) “la tassa in bolletta potrebbe starci se migliorano i servizi e riducono il costo.

 

“Sul tema dell’evasione della Tari ,che e’ una delle cause più rilevanti che generano disfunzioni del servizio di gestione dei rifiuti in moltissime città siciliane, occorre una seria ed approfondita analisi . Se il tema dell’inserimento nell’eventuale bolletta della luce e’pagare tutti per pagare tutti un pò di meno e migliorare servizi che ad oggi sono purtroppo scadenti ritengo che sia utile una valutazione anche per dare risposta a quei  cittadini virtuosi che pagano  e giustamente pretendono una città pulita e servizi puntuali.
Purtroppo i palermitani rischiano invece di pagare un aumento della Tari per colpa di Musumeci e i ritardi nella realizzazione della VII vasca a Bellolampo che doveva essere pronta già dal 2020”.

Lo ha dichiarato Antonino Randazzo, consigliere comunale M5S a Palazzo delle Aquile

Di diversa idea è invece il comunicato inviatoci dalla capogruppo del movimento 5 stelle del Comune di Palermo, Viviana LoMonaco

“Siamo contrari all’idea dell’Amministrazione di inserire il pagamento
della TARI nella bolletta dell’energia elettrica, che nient’altro
farebbe se non inasprire i toni e il comune sentire dei cittadini
palermitani. Questa proposta è solo un tentativo maldestro di spostare
l’attenzione “dalla luna al dito”, e dunque dalle reali responsabilità
dell’amministrazione attiva, dimenticando che le tasse si pagano quale
corrispettivo di un servizio, che, da par suo, sta facendo acqua da
tutte le parti facendo sì che questo costo sia vissuto, almeno in
parte, come una vessazione, ancor più se costretti a pagarlo poiché
incluso in bolletta. Non si può sorvolare sul fatto che – da anni – a
Palermo siamo sommersi da cumuli di rifiuti di ogni genere e da
extracosti provocati da una gestione fallimentare dell’azienda
partecipata dal Comune, la RAP, per non parlare degli ulteriori costi
per le casse comunali derivanti dal fallimento di AMIA.
Ci auguriamo che Roma possa venire in nostro soccorso con un decreto
straordinario ad hoc e un Commissario capace di gestire le emergenze
della nostra città, ridotta ormai allo stremo e ancor più in
difficoltà a seguito della pandemia”.

Lo ha dichiarato Rosalia Viviana Lo Monaco, capogruppo M5S a Palazzo delle Aquile.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button