Cronaca

A Palermo si ricorda la ‘strage del pane’

Strage del pane. Foto Internet

Il 19 ottobre del 1944 a Palermo, un corteo di lavoratori, disoccupati, giovani studenti, attraversa Via Maqueda chiedendo pane, lavoro e diritto alla vita.

L’esercito sabaudo apre il fuoco su una folla disarmata: 24 morti e 158 feriti. Stamani, dopo 68 anni e per la prima volta, la “strage del pane” (cosi venne definita) è stata ricordata ufficialmente dal Comune di Palermo.

Nella cornice dell’Aula consiliare del Palazzo delle Aquile, alla presenza anche di numerosi giovani, studenti delle scuole Pertini e Cannizzaro di Palermo, sono intervenuti lo storico Lino Buscemi(coautore del volume “La Sicilia delle stragi”) e Giuseppe Scianò oltre che Giacomo Cimino. Commovente la testimonianza di Gaetano Balistreri sopravvissuto alla strage: aveva all’epoca appena 10 anni!

Enzo Rinella ha recitato due monologhi e Maria Pia Giardelli e Anacreonte La Mantia hanno cantato due testi di Franco Carollo.
Ricordare quel che accadde quel 19 ottobre del 1944 è un gesto di riparazione – ha detto il consigliere Loris Sanlorenzo portando i saluti del Sindaco Leoluca Orlando e del Presidente del Consiglio Comunale , Salvatore Orlando – un gesto di riparazione, seppur tardivo, dovuto non solo nei confronti delle vittime e dei loro familiari, ma nei confronti di tutta intera la città, offesa e umiliata”.

Il Consigliere Loris Sanlorenzo ha donato a nome del Sindaco e del Presidente del Consiglio comunale la targa del Comune al commendatore Gaetano Balistreri.

Comunicato stampa 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button