CronacaPrimo Piano

Palermo: oggi la mozione di sfiducia del Sindaco. La minoranza chiede responsabilità a tutto il consiglio.

Lunedì decisivo per la scelta se la città di Palermo dovrà restare di gestione Orlando o meno.

I punti descritti sulla mozione firmata dai 19 consiglieri sono chiari e  l’impresa è ardua, ma non impossibile.

Tra le “accuse” ad Orlando e puntualmente descritte sul documento di sfiducia emergono le seguenti motivazioni sia di carattere politico che amministrativo oltre che:

ALLUVIONE DEL 15 LUGLIO;

FENOMENI CORRUTTIVI;

SITUAZIONE FINANZIARIA DELL’ENTE;

GESTIONE DEI RIFIUTI;

MOBILITA’;

ATTIVITA’ PRODUTTIVE;

PROGRAMMAZIONE URBANISTICA- LAVORI PUBBLICI – EDILIZIA PRIVATA;

ORGANIZZAZIONE PERSONALE COMUNALE;

GESTIONE CIMITERIALE;

AMAT;

Ecco questi sono i punti salienti su cui si basa la mozione di sfiducia.

Adesso per dare seguito a questa mozione servono 24 voti su 40. Situazione che sembrerebbe molto difficile.

Ancora una volta la città e la sua gestione sarà determinata dal partito gestito dall’On. Edy Tamajo con i suoi consigliere che potrebbero far saltare la testa al primo cittadino.

In effetti il gruppo consiliare di Italia Viva ha lamentato la gestione di Orlando facendo pressioni anche a livello mediatico, ma malgrado ciò  crediamo vivamente che Tamajo abbia detto ai suoi di votare contro sapendo che il Sindaco non sentirà il dovere di dire grazie a nessuno, anzi griderà a una sua personale vittoria contro la minoranza e contro “tutti”.

A breve sapremo come andrà a finire questa “storia” e di certo ci sarà che il Sindaco e i suoi non sono più graditi all’80% dei cittadini, un conto salato che in futuro potrebbero pagare chi ad oggi ha voluto fare scudo ad un Sindaco che,  mai come adesso, risulta da tempo sfiduciato dai palermitani e per questo Orlando sa “che non c’è Santuzza che tenga”.

Leggi la mozione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button