CronacaPrimo Piano

Palermo: la Polizia di Stato risale agli autori di un furto con spaccata realizzato in pieno centro cittadino

PALERMO – La Polizia di Stato, al termine di mirate indagini condotte dietro il coordinamento della Procura della Repubblica, ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, emessa dal G.I.P. di Palermo, a carico di due pregiudicati 19enni palermitani.

Ad eseguire il provvedimento e svolgere le indagini sono stati i poliziotti del Commissariato di P.S. “Oreto-stazione”.

I due giovani sono accusati del reato di furto aggravato perché, in concorso materiale e morale fra loro, al fine di trarne profitto per sé o per altri, introducendosi all’interno di un noto bar della via Roma, mediante effrazione della porta a vetro, si sono appropriati della somma di 100,00 euro circa, prelevandola dal registratore di cassa e sottraendola così al legittimo proprietario, con le aggravanti di aver commesso il fatto con violenza sulle cose ed all’interno di esercizi ove si somministrano alimenti e bevande.

Il reato, consumato con la tecnica della cosiddetta “spaccata”, è stato registrato a Palermo lo scorso 3 settembre e, sin da subito, personale della Sezione Investigativa si è attivato nel condurre le indagini del caso che, sulla scorta delle immagini di video sorveglianza della zona e dell’esame di alcuni frammenti di impronte papillari rilevate sul luogo del delitto, hanno consentito di produrre i gravi indizi di colpevolezza nei confronti degli indagati, interessati, per altro da plurimi pregiudizi di polizia per reati contro il patrimonio.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button