CronacaPrimo Piano

Palermo: la grande incognita sul crollo dei positivi da Covid-19

Igor Gelarda "...si tratta di un miracolo, attribuibile esclusivamente  a S. Rosalia oppure qualcuno ha diffuso dati sbagliati"

[Comune Palermo] Gelarda (Lega): “A Palermo crollo positivi covid 75% in 10 giorni. Miracolo o dati inaffidabili. Qualcuno lo spieghi ai palermitani”

 

“Quello della città di Palermo rischia di diventare un caso nazionale, o forse anche internazionale qualora l’Organizzazione mondiale della Sanità volesse approfondire come sia possibile che a Palermo città, nel giro di poco più di 10 giorni, il numero dei positivi al Covid abbia avuto un crollo di quasi il 75%, almeno secondo i dati diffusi dall’Asp di Palermo. Siamo passati infatti dagli 11.315 positivi del 4 marzo ai 2.944 del 17 marzo, cioè dall’1,7% di cittadini positivi allo 0,42%! Mentre nel resto della provincia, che complessivamente ha all’incirca lo stesso numero di abitanti del capoluogo il trend è invece in crescita e si è passati dai 1.435 positivi del 4 marzo ai 1.892 del 17 marzo, con una crescita del 31%. Certo era veramente strano che è in città ci fosse una incidenza di positivi quasi 8 volte maggiore rispetto la provincia. Tutto ciò ha solo due possibili spiegazioni: o si tratta di un miracolo, attribuibile esclusivamente  a S. Rosalia oppure qualcuno ha diffuso dati sbagliati. Con tutto il dovuto rispetto per la Santuzza, temiamo che ci troviamo di fronte ad errori, anche clamorosi, nei dati più vecchi che appaiono del tutto sovrastimati.
Siamo ovviamente felici che il virus a Palermo sia molto meno diffuso di quanto non si pensasse, ma nel frattempo i dati precedenti, appunto probabilmente sovrastimati, hanno portato il Prefetto ed il Sindaco a prendere misure drastiche, eccezionali, come la chiusura di 5 mercatini rionali in VII circoscrizione, che era candidata a diventare una mezza zona rossa dentro la città, e che ora chiediamo vengano subito riaperti. Quindi è normale se manifestiamo tutto il nostro sconcerto per una situazione del genere e siamo tentati di pensare che anche in passato i dati non siano stati sempre corretti, influenzando anche la scelta di fare diventare la Sicilia zona arancione. Quindi ora chiediamo all’Assessore Razza ed al Commissario Costa che si impegnino affinché vi siano maggiore attenzione e trasparenza nella gestione ed elaborazione di questi dati, che sono delicatissimi per la vita di una città, già economicamente disastrata come Palermo”.

A dichiararlo é Igor Gelarda, capogruppo della Lega in Consiglio comunale

Articoli Correlati

4 Commenti

  1. Stalkers petronilli industria...sfregio...sacchetti rotti e minacce...in strada.mafia...e berlusconismo molesti.. ha detto:

    Parole vuote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button