CronacaEconomia e LavoroPrimo Piano

Palermo: Donazione UniCredit al Giardino delle Idee per acquisto strumenti musicali

L’acquisto di strumenti e attrezzature musicali da parte dell’Associazione Il Giardino delle Idee, che opera nel quartiere Albergheria Ballarò di Palermo,  è stato reso possibile grazie alla donazione di UniCredit.

Nel quartiere Albergheria Ballarò, nel centro storico di Palermo, l’associazione Il Giardino delle Idee propone – già da alcuni anni – un progetto formativo per ragazzi di età compresa  tra 4/5 e 14 anni mirato a valorizzare le capacità e le inclinazioni personali dei giovani attraverso la conoscenza e la pratica di musica, teatro, pittura, scrittura e composizione di testi, lettura ad alta voce ed espressiva, cucito, pulizia, cura e coltivazione di piccoli spazi, manipolazione di materiali e costruzione di strumenti e oggetti vari.

“La donazione di UniCredit – ha sottolineato Salvatore Malandrino, Responsabile Regione Sicilia di UniCredit Italia – è stata resa possibile grazie a ‘UniCreditCard Flexia Etica, collegata ad un progetto etico. La carta etica prevede che il due per mille delle spese effettuate dai clienti vada ad alimentare, senza alcun onere a carico del titolare della carta, uno specifico Fondo le cui disponibilità sono destinate a diverse iniziative e progetti di solidarietà portate avanti da organizzazioni senza scopo di lucro, che si prefiggono obiettivi socialmente utili. Dal 2011 ad oggi, attraverso questo prodotto bancario, la banca ha assegnato in Sicilia oltre 1 milione 970 mila euro a 181 onlus che operano nell’isola”.

“Grazie al contributo di UniCredit – ha dichiarato Liliana Minutoli, presidente dell’associazione Il Giardino delle Idee – è stato possibile acquistare gli strumenti musicali, tra cui strumentario didattico, chitarre, piano digitale, impianto audio, flauti, violini, percussioni di vario tipo e anche materiali per lo sport e le arti. Il progetto, dal 2015 presente sul territorio, ha avuto uno stop per quasi un anno e mezzo, gravando ancor più sulla possibilità, già poco praticata tra i bambini, di fare musica e arti. Dallo scorso mese di giugno scorso il percorso è ripartito con una nuova formazione di circa 20 operatori di ogni arte e la realizzazione di laboratori che proseguiranno fino a maggio 2022. La creatività è la più grande rivoluzione dell’esistenza e noi crediamo fortemente che la pratica delle arti possa trasformare l’essere e il modo di comunicare di chiunque. Grazie tutto ciò anche ad UniCredit e al suo impegno a sostegno dell’arte e del sociale”.

BallarArt – Scuola popolare di Musica e Arti Espressive, direttada Liliana Minutoli, comprende laboratori di musica (canto e coro, chitarra, pianoforte e tastiera, violino, ukulele, flauto dolce e traverso, batteria e percussioni), riciclo creativo, yoga, lettura ad alta voce, scrittura creativa, danza, teatro, disegno e arti visive, sport e psicomotricità. È un percorso e non un progetto, è lo spazio del cuore e per il cuore di tutti e tutte, bambini, giovani e adulti; uno spazio dove empatia, ascolto, comprensione e accettazione incondizionata di sé e dell’altro sono vissuti attraverso lo slogan: “l’Arte di Vivere con Arte e con le Arti”. Educazione ambientale, alla legalità, alla convivenza civile, alla non violenza, ai diritti umani sono tematiche vissute attraverso i linguaggi dell’espressività e della comunicazione non verbale. Esperti di ogni arte, psicologi, educatori e pedagogisti dell’associazione Il Giardino delle Idee sono formati e operano in squadra attraverso laboratori per il contrasto alla povertà educativa del quartiere Ballarò/Albergheria e in collaborazione con i centri di aggregazione per bambini: Parco del Sole, Kalaonlus, Le Balate, Centro Astalli, Rettoria di Casa Professa, Parrocchia di S. Nicolò all’Albergheria.

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button