Cronaca

Palermo: demolito il chiosco della Kalsa, “centro di spaccio della droga”

Questa mattina le forze dell’ordine hanno sequestrato il chiosco di piazza Kalsa, sollevandolo con una gru e caricandolo su un camion.  L’operazione è stata condotta da polizia, vigili urbani e vigili del fuoco.

Il motivo è legato allo spaccio di droga. Infatti il piccolo bar apparteneva alla famiglia di Luigi Abbate, boss mafioso del Borgo vecchio, noto come “Ginu ‘u mitra”.

Il chiosco era già stato oggetto di un provvedimento di sequestro insieme ad altri beni del mafioso e dei suoi familiari.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button