Primo PianoScuola e UniversitàStorie di quartiere

Palermo. Dagli alunni del“ De Amicis”, un fumetto contro il cyberbullismo.

In occasione dell’appuntamento “Il Maggio dei Libri” che si svolgerà oggi, 6 maggio alle ore 15,00, sarà presentato alla cittadinanza il fumetto contro il cyberbullismo “Le ali” , ideato e creato dagli studenti della Direzione Didattica Statale De Amicis, di Palermo .

Il fumetto è stato sviluppato  ponendo attenzione al linguaggio dei bambini, affinché possa essere un concreto strumento di prevenzione contro il cyber bullismo,  suggerire ai giovani un corretto utilizzo del web e favorire il dialogo con gli adulti di riferimento.

Il titolo del progetto nasce da un gioco di parole , “Le ali”- “leali” (facendo riferimento  all’essere onesti tanto offline quanto online) e le ali  per volare in alto come auspicio per la vita di tutti.

“L’utilizzo di device (in particolare smartphone e tablet) da parte dei piccolissimi, sia da attori, sia da spettatori, apre questioni rilevanti nel dibattito pedagogico ed educativo (e non solo) su temi quali quelli della responsabilità e corresponsabilità educativa, del benessere, di un utilizzo creativo, equilibrato e critico degli strumenti digitali – afferma la dirigente della D.D. De Amicis- La Rete è un luogo ricco di opportunità, ma è importante imparare a riconoscere i rischi e a difendersi dai pericoli. Bambini, famiglie ed educatori devono esserne sempre più consapevoli.

Alla presentazione  saranno presenti dell’assessore all’Istruzione della Regione Siciliana, Roberto Lagalla,  del dirigente dell’ambito territoriale di Palermo Luca Gatani, del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Palermo, Pasquale D’Andrea, dell’Assessora all’Istruzione del Comune di Palermo, Giovanna Marano e del presidente della V Circoscrizione Fabio Teresi.

L’iniziativa è stata finanziata dall’Assessorato dell’Istruzione e della Formazione Professionale della Regione Siciliana e realizzata da Cetty Mannino, esperta in educazione ai new media, per conto dell’Associazione Made 3.0.  Il lavoro è stato reso fattibile grazie alle docenti e alla referente contro il cyberbullismo, EriKa Sichera.

“L’educazione digitale non deve essere trascurata, specie in questo momento di cambiamento sociale – afferma Cetty Mannino-  e deve essere accompagnata da un’azione continua e concreta da parte delle Istituzioni, degli adulti e della scuola”.

Info sul programma dell’evento: le_ali locandina

 

Articoli Correlati

5 Commenti

  1. petronillo politico corrotto minaccia e ingiuria invalidi e simula reato industria e passeggi. ( io sono testimone) colf e cell ha detto:

    w i libri. che diffondo solo giustizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com