Palermo, continuano gli interventi effettuati dal Cantiere Municipale

Foto internet

Va avanti il piano di interventi di ripristino e/o manutenzione messo in atto dal Cantiere Municipale di Palermo, nell’ambito di un più ampio processo di riorganizzazione del Settore Manutenzioni del Comune.

Dopo i circa 200 interventi effettuati nel solo mese di gennaio e che, rispettando l’ordine cronologico e di priorità in base all’urgenza degli interventi stessi, hanno interessato soprattutto scuole ed asili, i 25 operai in forza al Cantiere a febbraio hanno messo a punto altri 140 lavori di manutenzione. Le richieste evase riguardano infissi divelti, riparazioni all’impianto idrico, controllo e pulizia delle cisterne, verifiche all’impianto elettrico, interventi di falegnameria e ripristino vetri rotti. Gli interventi, anche questa volta sono stati effettuati in gran parte presso edifici scolastici comunali e asili nido, ma anche in alcuni locali del Sistema Bibliotecario cittadino, del Settore Servizi Socio-Assistenziali e della Sovraintendenza al Palazzo di Giustizia.

Nel mese di febbraio è stata la volta, tra gli altri, dei plessi scolastici “Salerno” e “Vitali”, a Cruillas (riparazione impianto autoclave); dell’Istituto Comprensivo Statale “Giuseppe Scelsa”, di via Villagrazia (collocazione elettropompa); della Scuola dell’Infanzia “Buttitta”, di via Cimabue (sostituzione wc); dell’Asilo Nido “Aquilone” (riparazione maniglione antipanico); degli spazi espositivi della Galleria d’Arte Moderna, di via S.Anna (piccola manutenzione ordinaria, sostituzione serrature e cilindri negli infissi); della Biblioteca di Brancaccio (ripristino serrande rotte); del Canile Municipale (riparazione rete box cani); del Servizio Gestione Impianti Cimiteriali (costruzione e fornitura di casse per salme) e tanti altri.

Ulteriori 60 richieste, invece, rimangono da ultimare: dopo un primo sopralluogo, infatti, sarà possibile completare i lavori, non appena saranno disponibili i materiali necessari (citofoni, serrature, rubinetteria, cassette a zaino, etc). Mentre, per altri adempimenti sono in corso sopralluoghi tecnici più articolati, in considerazione del fatto che gli interventi richiesti sono più complessi degli altri e/o di tipo strutturale (eliminazione infiltrazioni d’acqua, separazione di locali con cartongesso, ripristino pavimentazione) e per questo, sono state comunicate al Settore Centro Storico, al fine di predisporre per ciascuna un apposito progetto da inserire nella programmazione CO.I.M.E.

Exit mobile version