Arte e Cultura

Palermo, Cinema De Seta: “L’Antigattopardo”

Goliarda Sapienza (foto ufficio stampa)

Giovedì 21 febbraio alle 21.00 al Cinema De Seta un nuovo appuntamento con il Queer secondo me, l’incontro con studiosi e intellettuali invitati dal Sicilia Queer FilmFest che di volta in volta scelgono un film – antico o recente – che incarna, a loro modo di vedere, un’idea “forte” del concetto di queer e lo presentano al pubblico in sala, introducendone la visione.

In linea con la mission “disturbante” del SQFF, sarà presentato un film su Goliarda Sapienza, scrittrice misconosciuta in vita e oggetto di una attenzione crescente che ne fa oggi una autrice di culto. Pina Mandolfo (Società Italiana delle Letterate) e Daniela Orlando (attrice) presentano “L’Antigattopardo. Catania racconta Goliarda Sapienza”, un documentario di Giuseppe Di Maio e Alessandro Aiello, fondatore di Canecapovolto, uno dei collettivi sperimentali di cinema più interessanti del panorama italiano.

Realizzato in collaborazione con la Società Italiana delle Letterate e con l’Associazione Culturale Documenta, “L’Antigattopardo” è stato girato nel settembre 2012 e raccoglie a caldo le testimonianze dei partecipanti al “Viaggio sentimentale e letterario nella Catania di Goliarda Sapienza”, organizzato da Pina Mandolfo per rendere omaggio a una scrittrice straordinariamente innovativa e rivoluzionaria la cui fama è cresciuta solo dopo la sua morte (1996). Il suo romanzo postumo L’arte della gioia, più volte rifiutato dagli editori italiani mentre era in vita, è ormai un’opera di culto in Francia, in Germania e finalmente anche in Italia. ù

Tra immagini di repertorio e interviste – curate da Ornella Sgroi – a intellettuali, letterate, registe, il documentario ripercorre i luoghi amati e raccontati da Goliarda e si interroga sui motivi che ne hanno ritardato il successo. Cresciuta nel ventennio fascista in una famiglia libertaria di socialisti e dissidenti, Goliarda era anticonformista, originale e coraggiosa tanto nelle scelte di vita quanto nella scrittura. Nella sua opera vi è un totale capovolgimento degli stereotipi e dello scetticismo siciliano e lancia un messaggio che è esattamente opposto a quello del Gattopardo : “Cambiare è possibile!”.

Recitò a teatro e a cinema lavorando tra gli altri con Luchino Visconti, Alessandro Blasetti e Citto Maselli, suo compagno nella vita. La mancata pubblicazione de L’arte della gioia divenne motivo di depressione che la ridusse in povertà e, in seguito a un furto di gioielli, le fece conoscere anche la realtà del carcere. Il documentario contiene immagini dello spettacolo a lei dedicato “Io ho fatto tutto questo” di Maria Arena e la lettura, a cura di Egle Doria, di pagine delle sue opere.

INGRESSO LIBERO

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button