Cronaca

Palermo, anche i saldi in crisi

Saldi, foto internet

Sono iniziati in anticipo rispetto al resto d’Italia, i saldi, ma non hanno avuto ancora  il successo atteso. Forse è ancora presto per allarmismi. Si aspetta il fine settimana dell’Epifania per arrivare a conclusioni, e come dice Roberto Manzoni, presidente della Federazione Italiana Settore Moda aderente a Confesercenti :  “Siamo preoccupati ma è indispensabile un po’ di ottimismo. . I dati di dicembre sono stati meno drammatici del previsto, con un calo degli acquisti del 10% a fronte di attese peggiori. E i saldi che hanno appena preso il via continuano a rappresentare una buona occasione per consumatori ed esercenti».  

Ma è inutile, la crisi c’è e si vede, si respira, si percepisce nelle strade del centro di Palermo. Via Ruggero Settimo ieri tra le 16 e le 18 era vuota, i negozi senza caos, grandi stores non avevano la fila fuori come accadeva gli altri anni. Confcommercio, che stima una spesa media di circa 200-300 euro a famiglia, ha registrato un calo del 30 per cento delle presenze in negozi e centri commerciali. Codacons mette in guardia i consumatori: «un commerciante su 5, in occasione dei saldi, `bara  sul prezzo vecchio, in modo da gonfiare artificiosamente la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all’acquisto»

Alcuni intervistati infatti  hanno manifestato la loro preoccupazione su prezzi gonfiati e saldi fittizzi, ecco che l’Unione Nazionale Consumatori lancia un sondaggio sui diritti dei clienti, per «mettere alla prova le proprie conoscenze e accrescere la consapevolezza sui propri diritti». 

I negozi del centro sono stati anche  penalizzati dall’amministrazione comunale per la scelta di rendere pedonale alcune zone della città. Problemi anche di posteggio, con schede a pagamento che alimentano  al contrario i centri commerciali , dotati di mega posteggi e soprattutto gratuiti.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com