Economia e Lavoro

Palermo, “Amat: no allo sciopero di venerdì 27 settembre”

Angelo Figuccia

“Dopo decenni di torpore, come per incanto finalmente i sindacati dell’Amat sembrano essersi svegliati e denunciano gli stessi sprechi e storture che abbiamo segnalato in questi ultimi anni”.

Lo afferma Angelo Figuccia, capogruppo del Partito dei Siciliani-MPA a Sala delle Lapidi, che prosegue: “Nel volantino che è stato diffuso oggi ai lavoratori, le organizzazioni sindacali mettono l’accento su alcuni dei tanti sprechi che impediscono all’Amat di poter contare su maggiori risorse. A cominciare dagli appalti esterni della coloritura delle zone blu, quando all’interno esiste un servizio di segnaletica stradale, oppure della mancata riparazione del distributore del metano, che costringe gli automezzi a rifornirsi allo Zen.

Siamo convinti, però, che l’aver proclamato uno sciopero di otto ore per venerdì prossimo sia un grosso errore, perché così si creano soltanto disagi ai cittadini che utilizzano i mezzi pubblici. Invece di indire scioperi, i rappresentati sindacali si siedano attorno ad un tavolo con i vertici aziendali e chiedano con forza di riorganizzare dal profondo l’intera azienda, iniziando dall’eliminazione di tutti gli sprechi e delle figure dirigenziali doppioni, che creano soltanto sperpero di denaro pubblico.

E’ arrivato il momento di dimostrare concretamente di essere al fianco dei lavoratori, dei cittadini-utenti ma soprattutto dei contribuenti, che con le loro tasse pagano profumatamente per avere un servizio non degno di una grande città europea quale vuole essere Palermo. Non è più tempo di connivenze. Tutti, a cominciare dai sindacati, devono fare fino in fondo il proprio dovere per impedire il fallimento dell’azienda”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button