CronacaPrimo Piano

Palermo: accordo Social Street, Rap e Polizia municipale per pulizia strade

foto palermomania.it

Il Social Street Palermo ha fatto il punto con il presidente della Rap Sergio Marino e con il comandante della Polizia Municipale Vincenzo Messina per definire le modalità organizzative con cui dar seguito alle segnalazioni dei cittadini, grazie alla App “Palermo Pulita”, delle emergenze rifiuti in città. Si inizierà già la settimana prossima in una zona delimitata del centro storico, da via Sant’Onofrio, via Judica, fino a via Gianferrato, che sarà bonificata dalla Rap e quindi tenuta sotto controllo dalla Polizia Municipale.

Nelle settimane successive, Social Street Palermo invierà un report settimanale alla Rap e alla Polizia Municipale con l’indicazione delle zone maggiormente segnalate dai cittadini grazie alla App Palermo Pulita che è stata già scaricata da più di mille palermitani (300 finora le segnalazioni fatte). Naturalmente, la Rap interverrà nell’ambito delle sue competenze, in quanto la rimozione di macerie, sterpaglia e amianto dovrà seguire una procedura diversa.

“I primi dati – sottolinea il Social Street Palermo – rappresentano un grande successo che manifesta la grandissima voglia dei cittadini di partecipare al cambiamento”.

Giudizio condiviso dal sindaco Leoluca Orlando: “E’ molto bello vedere che tanti cittadini hanno voglia di contribuire alla soluzione dei problemi di Palermo. E’ una forma di partecipazione attiva che mi fa ricordare don Milani e il suo I care”.

Il comandante Messina ha assicurato che nella zona individuata per la prossima settimana la Polizia Municipale farà i controlli “per scoraggiare e sanzionare chi con il proprio comportamento deturpa l’ambiente ed il decoro urbano”. Il presidente Marino ha garantito “la massima disponibilità della Rap ad intervenire celermente sui siti da bonificare”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button