Scuola e Università

Oncoematologia pediatrica: presentati puzzle colorati sui tetti e sulle pareti

Ospedale Civico. Foto Archivio

Mega puzzle colorati sui tetti e sulle pareti dell’unità operativa di Oncoematologia pediatrica dell’Azienda Ospedaliera Civico. Sono stati presentati stamattina in Ospedale alla presenza dell’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino.

E’ stato portato a termine il progetto per decorare e abbellire le stanze di degenza del reparto, e renderlo ancora di più “a misura di bambino”. Volontari, medici, e genitori dei piccoli pazienti hanno montato in questi giorni pannelli colorati in forex con disegni ispirati alla fattoria, al mare, alla montagna, al mondo sottomarino, alla savana, alla foresta, ai ghiacciai, alla città e allo spazio, pannelli che vengono sovrapposti a quelli già esistenti nel controsoffitto.

“L’idea ha tratto ispirazione da due momenti di vita quotidiana in reparto – sottolinea il primario dell’Oncoematologia pediatrica, Paolo D’Angelo – un giorno abbiamo accompagnato in chirurgia Gianluca, un nostro bimbo che doveva sottoporsi ad un delicato intervento, e che quindi ha momentaneamente lasciato la sua stanza dopo almeno due mesi in cui era stato costretto a letto. Arrivati in strada ha sorriso e ha esclamato: “guardate, il cielo”. E ancora, Aurora, una nostra piccola bimba, ricoverata per settimane in una delle stanze a ridotta carica batterica per essere sottoposta ad un trapianto autologo di cellule staminali, ha confidato ai suoi genitori che avrebbe voluto che la sua stanza diventasse “bella come la primavera”.

Nell’unità operativa è forte e costante l’impegno dei volontari dell’Associazione ASLTI, l’Associazione per la lotta contro le leucemie, e degli insegnanti della Scuola in Ospedale, che organizzano momenti di distrazione e di svago attraverso il gioco, lo studio, e il coinvolgimento in attività ricreative.

“Ancora una volta – sottolinea il commissario straordinario dell’Arnas Civico, Carmelo Pullara – si dimostra importante la solidarietà dei volontari e dei privati per favorire l’umanizzazione dell’Oncoematologia pediatrica. Ci auguriamo che si possa continuare ad affiancare il loro contributo alla programmazione dell’Arnas finalizzata a diminuire sempre di più, e speriamo ad abbattere, il ricorso ad altre strutture al di fuori della nostra Regione”.

L’Assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, ha espresso apprezzamento per l’iniziativa “che vede ancora una volta coinvolti in primo piano, sia pure con ruoli diversi, i protagonisti del volontariato e gli operatori della sanità regionale impegnati nel miglioramento dell’assistenza sanitaria sotto il profilo della qualità delle cure ma anche della qualità della vita in corsia”.

Il progetto di riammodernamento del reparto è stato portato avanti grazie al contributo economico e alla solidarietà del Rotary Club Costa Gaia, rappresentato da Ignazio Speciale, e di alcune famiglie di piccoli pazienti.

Le fasi tecniche sono state curate dallo studio di architettura Ruffino Associati, in particolare dagli architetti Cora Barano, Silvio Calandra, Fabrizio Ruffino, Gioacchino Munna, Marco Muscarello, Alessandra Bruccoleri. Anche l’Associazione Aiace Palermo ha collaborato al montaggio dei mega-puzzle.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button