Politica

Nucleare in Sicilia, dopo le parole di Zichichi si riaccende la polemica

Umberto Terenghi

Prosegue il dibattito sul nucleare scatenato dalle dichiarazioni dell’assessore siciliano ai Beni Culturali.

Lo scienziato Zichichi sarebbe felice se “la Sicilia fosse piena di centrali nucleari”, ma il Presidente Crocetta lo ha stoppato: “Io sono contrario e gli italiani nel 2011 hanno detto NO con un referendum”.

Ma adesso Pmisicilia riaccende la polemica: “Le parole di Zichichi dicono la verità

«Le parole di Zichichi – afferma Umberto Terenghi, vicepresidente di Pmisicilia, associazione delle microimprese – hanno un significato forte, perché finalmente dicono la verità sulla questione energetica in Sicilia. Purtroppo, finora i siciliani sono stati vittima di un inganno, quello di propinare come soluzione della problematica l’abbraccio incondizionato alle energie rinnovabili.E non importava se questa scelta fosse fatta a scapito di terreni coltivabili, o peggio estirpando vigneti, uliveti e altre piantagioni per far posto a impianti eolici e fotovoltaici.

Una scelta errata non solo perché sono stati distrutti terreni agricoli, ma anche perché nutro seri dubbi che questi mega impianti siano veramente utili alla Sicilia. Non c’è certezza, infatti, che l’energia prodotta da questi impianti sia immessa nella rete di distribuzione, mentre è sicuro che questi impianti siano stati realizzati e continuino a essere finanziati con milioni di euro provenienti dalle tasse pagate dai cittadini.

Per questo chiediamo al presidente Crocetta di effettuare una verifica sull’effettiva immissione nella rete distributiva dell’energia prodotta da fonti rinnovabili. Ovviamente, difendiamo i piccoli impianti per uso domestico, per la produzione di energia in autoconsumo: su quelli c’è la garanzia che l’elettricità prodotta viene consumata e soprattutto permettono alle piccole imprese di lavorare e creare occupazione. Intanto, un plauso a Zichichi per aver lanciato un dibattito che potrà far bene alla Sicilia».

Comunicato stampa

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button