Economia e Lavoro

No al pignoramento della prima casa: “Rimodulare i finanziamenti”

Il no al pignoramento della prima casa potrebbe significare un restringimento di concessione di credito da parte delle banche penalizzando coloro che debbono acquistare ancora la prima casa. E inoltre le banche concederebbero finanziamenti solo ed esclusivamente ai proprietari di due immobili a salire.

Maurizio Pucceri, segretario generale di Casartigiani Palermo, ritiene che a tal proposito bisogna proporre:

Per i cittadini: «Una rimodulazione dei finanziamenti anche in contenzioso con un preammortamento di 18 mesi».

Per le imprese:  «Un condono per tutti i debiti Tributari, Previdenziali ed Assicurativi con rimborso decennale e per coloro che aderiscono togliere le ipoteche legali. Oggi un condono è necessario, forse non erano necessari quelli precedenti. Tenendo conto, inoltre,  che molte imprese debitrici non hanno pagato perché vantano crediti da parte della pubblica amministrazione».

E conclude: «Per i partiti politici, Equitalia ha sospeso tutte le procedure e continuano ad ottenere finanziamenti pubblici senza presentare il Durc – Documento Unico di Regolarità Contributiva. La moratoria non deve essere solo per le imprese in bonis ma anche per le imprese in contenzioso con una rimodulazione del piano di ammortamento».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com