Primo Piano

CONTINUA IL 398° FESTINO DI SANTA ROSALIA

IN VETRINA AL MUSEO RISO MODELLINI DI CARRI TRIONFALI

Il 398° Festino è stato un festino “partecipato”  che ha visto la presenza attiva di molteplici attori pubblici e privati, che hanno dato vita ad un festino “diverso”, espressione  di un nuovo governo della città.

Il Prorettore, Prof. Maurizio Carta, nonché Coordinatore del Comitato artistico Istituzionale del 398° Festino, lo ha definito in molti modi: corale, sbagliato, policromo,impossibile, ma sicuramente “ un festino giovane, festoso,partecipato, sociale, talentuoso, speranzoso, popolare, colto, istituzionale, divertente, prudente, cosmopolita, sicuro, luminoso, …. Il Festino dei Festini che forse apre una nuova stagione in attesa del 400° festino di santa Rosalia”.

Tra i vari eventi in programma per tutto il mese di Luglio particolare attenzione riveste l’istallazione del Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea, partner ufficiale del Festino, dove,  sino al 30 luglio,  si potranno ammirare modellini di carri trionfali della Santuzza, scelti tra quelli firmati da grandi artisti.

L’istallazione vuole essere un contributo all’insegna del contemporaneo, una partecipazione attiva  presente anche nei balconi  di Palazzo Belmonte Riso dove è esposta la Santa Rosalia realizzata da Tania Giordano, in un mix di colorate stoffe, che all’ingresso del Museo dove è proiettato un video realizzato da Settimana delle Culture, a cura di Giacomo Fanale, che ripercorre la storia del Carro Trionfale, dal progetto di Paolo Amato del 1686 ai nostri giorni, che vede il coordinamento  di Giorgio Filippone.

Tra i modellini di carri esposti, particolarmente significativo è il modello del 2007 riferito al 383° Festino, “ROSALIA, rosa lucente, lucente rosa” ideato da Jannis Kounellis,  un carro con la vela rilucente di cristalli Swarovski, che riprende le linee della “muciara” dei “tonnaroti” di Favignana.

In vetrina anche il modellino del carro trionfale ideato da Marcello Chiarenza, nel 2008, “LA SANTUZZA, Rosalia, rosa oltre le spine”, una bassa imbarcazione sormontata da una montagna di innumerevoli, piccole rose rosse, simbolo di Monte Pellegrino sulla cui sommità svetta la statua della Santuzza; presente anche il carro disegnato da Gaetano Zingales nel 2009,  “ROSALIA, rosa tra le rose, donna tra le donne”, dedicato al Mediterraneo e ai migranti che non riescono a raggiungere la riva, animato da  vibrazioni luministiche degli elementi dell’imbarcazione-relitto.

Non poteva certo mancare il modellino del carro trionfale dell’dizione 2022 di Fabrizio Lupo e  due raffigurazioni della Santa, un busto in vetroresina, pittura a olio e foglia d’argento, e una statua in PLA, pittura a olio e foglia.

Viva  Palermo e Santa Rosalia.

 

Caterina Guercio

 

Articoli Correlati

Un commento

  1. Petronilli e losca gente simulano reati in passeggio industria Cell in passeggio FG 324 vedi tutto il giorno ha detto:

    Io sono a favore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button