Cinema-Teatro-MusicaPrimo Piano

Monica Guerritore in End of the Rainbow al Teatro Biondo

Monica Guerritore interpreta Judy Garland nel musical End of the Rainbow, in scena al Teatro Biondo Stabile di Palermo dal 4 al 9 febbraio (martedì, venerdì e sabato ore 21; mercoledì, giovedì e domenica ore 17.30).

Basato sul testo di Peter Quilter, con gli arrangiamenti musicali di Marcello Sirignano e la regia di Juan Diego Puerta Lopez, lo spettacolo è interpretato dalla Guerritore insieme ad Aldo Gentileschi, Alessandro Riceci e dalla band musicale composta da Vincenzo Meloccaro, Gino Binchi, Stefano Napoli. Le scene sono di Carmelo Giammello, i costumi di Walter Azzimi. La produzione è di Francesco e Nino Bellomo de “L’isola trovata”.

End of the Rainbow racconta sei settimane nella vita della celebre attrice hollywoodiana Judy Garland, pochi mesi prima della sua morte. È il Natale del 1968 e l’attrice alloggia in una piccola suite dell’Hotel Ritz Carlton al Centro di Londra. Con il suo amico gay, pianista e compagno di tante avventure Anthony (interpretato da Aldo Gentileschi) e con il suo nuovo giovane amante Mickey Deans (Alessandro Riceci), si prepara per una serie di concerti nella capitale britannica. Ha 46 anni ed è decisa a tornare alla ribalta alla grande. I matrimoni falliti, i tentativi di suicidio, le dipendenze da alcol e farmaci sembrano lasciati definitivamente alle spalle, eppure le cose non vanno come sperato.

End of the Rainbow è un musical tragico e divertente allo stesso tempo, in cui Monica Guerritore canta dal vivo, accompagnata dai musicisti, otto tra le più belle canzoni della Garland. «Ho cominciato dal niente una preparazione fisica – spiega l’attrice – che mi ha portato a ballare e cantare per la prima volta. Tre mesi di lezioni al giorno con il coreografo Gino Landi e la vocal coach Maria Grazia Fontana, per entrare in un corpo e in una voce. Un’altra sfida per cercare di capire una grande, luminosa e infelice donna».

Note di Monica Guerritore:

«Judy è innamorata pazza del suo giovane amante, è scoppiettante, folle, drammatica, stramba e tenerissima come solo una grande artista può essere ed è disperata come lo è una donna completamente sola nonostante i suoi innumerevoli amori. Tira avanti con quel che resta della sua voce e supplisce dando al pubblico la sua anima. La sua vita è la scena e lì canterà e morirà tra lustrini e paillettes.

Ho cominciato dal niente una preparazione fisica che mi porta a ballare e a cantare per la prima volta. Tre mesi di lezioni al giorno con il coreografo Gino Landi e la vocal coach Lisa Angelillo per entrare nel corpo e nella voce di una donna debole e fortissima allo stesso tempo, un’artista luminosa con una vita personale drammatica che richiama alla mente altre donne dalla fine tragica: Edith Piaf, Whitney Houston, Amy Winehouse.

Judy inizia a usare anfetamine sin dall’infanzia, sarà la madre a introdurla agli psico-farmaci durante Il Mago di Oz e sarà l’ultimo giovanissimo marito a darle le pasticche che la uccideranno in un gabinetto del teatro di Londra dove si sta esibendo.

Muore indossando un vestito rosso luccicante. Il mondo dello spettacolo è la sua scenografia naturale e oltre l’arcobaleno (Somewhere over the rainbow, ultima canzone che canto nello spettacolo, seduta sul bordo del palco e senza accompagnamento) potrebbe trovare finalmente la serenità mai raggiunta in terra. Diceva di sé “…essere una star è stato facile. Vivere è stato difficile”».

END OF THE RAINBOW al Teatro Biondo dal 4 al 9 febbraio 2014

Martedì 4 febbraio, ore 21.00 Turno Prime
Mercoledì 5 febbraio, ore 17,30 Scuola
Giovedì 6 febbraio, ore 17,30 Promozionale
Venerdì 7 febbraio, ore 21.00 Repliche A
Sabato 8 febbraio, ore 21.00 Repliche B
Domenica 9 febbraio, ore 17,30 Domenicale

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: