Primo Piano

Migranti, Scavone a Villarosa per presentazione progetto di co-housing e agricoltura sociale

Migranti, Scavone a Villarosa per presentazione progetto di co-housing e agricoltura sociale

Co-housing e agricoltura sociale. A Villarosa, nell’Ennese, è stato presentato un innovativo progetto promosso dall’associazione Don Bosco 2000 – Impresa sociale in partenariato con la Regione Siciliana, realizzato nell’ambito del programma Più Su.pr.eme. Presenti l’assessore regionale alla Famiglia, alle politiche sociali e al lavoro, Antonio Scavone, il dirigente Michela Bongiorno e il referente progetti Severino Richiusa dell’Ufficio speciale immigrazione della Regione.

L’iniziativa si è svolta in un bene confiscato alla mafia,  gestito dall’associazione dal 2016 e valorizzato con diverse attività di imprenditoria sociale e accoglienza di migranti, afferenti al Sistema di accoglienza e integrazione (Sai) ministeriale. Sono stati affrontati i temi della legalità, dell’anticapolarato, dell’agricoltura sostenibile con riferimento alle tecniche innovative dell’acquaponica, dell’utilizzo di gamification e interattività per rendere più efficaci e coinvolgenti le campagne di sensibilizzazione.

«Oggi – ha detto l’assessore Scavone confrontandosi con i responsabili dell’associazione, i partner del progetto e i cittadini stranieri coinvolti – ho conosciuto una bella realtà. Un percorso virtuoso che si rivolge anche alla cosiddetta cooperazione circolare: riportare nel proprio territorio ciò che si è imparato qui in Sicilia, così come ho appreso dalla testimonianza di Ali Traoré. Il sostegno della Regione Siciliana c’è e crescerà nel prossimo futuro».
Il progetto avrà come output principale la creazione di una start up agricola formata principalmente da un gruppo di cittadini stranieri, destinatari di una formazione generale e specifica che si terrà in aule appositamente allestite e con una metodologia immersiva, anche attraverso l’uso della realtà aumentata e di percorsi didattici realizzati con moderne tecnologie.
Infine, il progetto potrà formare quanti esprimano la volontà di fare rientro nel proprio Paese di origine, replicando quanto appreso a favore delle comunità locali nei villaggi di provenienza: per esempio creando sistemi di coltivazione acquaponici. Il rientro sarà promosso da Don Bosco 2000 nell’ambito del progetto di cooperazione allo sviluppo attivo dal 2016 in Senegal, Gambia e Mali denominato “Cooperazione circolare”, progetto che crea attività generatrici di reddito nei villaggi rurali africani in cui i protagonisti sono i migranti di ritorno, ex beneficiari dei centri di accoglienza di Don Bosco 2000.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button