CronacaPrimo Piano

Mafia, arrestate moglie e figlia del boss Leonardo Vitale: gestivano gli interessi della cosca

PoliziaGli agenti della polizia di Palermo hanno arrestato per ricettazione in concorso aggravato dal metodo mafioso, Maria Gallina, di 59 anni, e Maria Rita Vitale, di 40 anni, rispettivamente moglie e figlia del boss mafioso Leonardo Vitale, il quale si trova in carcere in regime di 41 bis. Le indagini hanno portato alla luce che, mentre i capi della famiglia mafiosa dei “Fardazza” erano in carcere, le due donne gestivano gli interessi della cosca, che è ritenuta una delle più pericolose.

La moglie del boss è stata condannata a quattro anni di reclusione, mentre la figlia ad un anno e 8 mesi, con l’accusa di ” ricettazione in concorso aggravato dal metodo mafioso”. Le due donne, infatti  avrebbero impartito degli ordini che provenivano direttamente dal capo famiglia. In passato erano già state accusate di associazione a delinquere di stampo mafioso in concorso con altre persone, tra i quali i boss appartenenti ai “Corleonesi”. I magistrati fanno sapere che, ” si avvalevano della forza di intimidazione, della condizione di assoggettamento e di omertà, commettendo reati “contro la vita”, l’incolumità pubblica e il patrimonio, nonché acquisendo il controllo di attività economiche ed appalti pubblici”.

Gallina, è ritenuta il fulcro indispensabile dell’organizzazione criminale, è stata intercettata più volte mentre discuteva con i membri della famiglia su come gestire le attività criminali. La figlia Maria, era già stata in carcere per sei anni e scarcerata nel 2010, svolgeva funzioni di coordinamento dei mafiosi in libertà, con riguardo ” alla gestione del settore delle estorsioni ed alla destinazione dei rispettivi proventi”, Maria Vitale avrebbe avuto un ruolo centrale per quanto riguarda la gestione e la riscossione di denaro relativo ai lavori per la realizzazione del politecnico di Partinico, insieme a Domenico Raccuglia, attualmente condannato all’ergastolo. Le donne sono state condotte al carcere “Pagliarelli”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button