Cinema-Teatro-Musica

L’Ottocento in ascolto al Politeama: dirige Talpain

Talpain

L’Orchestra Sinfonica Siciliana celebra la musica del primo Ottocento con un concerto dedicato a tre dei suoi esponenti di punta: Beethoven, Hummel, Schubert.

Venerdì 4 aprile alle ore 21.15 e sabato 5 aprile alle 17.30, il direttore francese Didier Talpain salirà sul podio del Politeama Garibaldi per dirigere l’ouverture Fidelio di Beethoven, il Concerto in la minore op. 85 per pianoforte e orchestra di Hummel e la Sinfonia n. 2 in si bemolle maggiore di Schubert. Il pianista ospite è Alessandro Commellato, appassionato di Hummel, del quale ha inciso appunto i concerti per pianoforte sotto la direzione dello stesso Talpain.

Ultima delle quattro ouverture che Beethoven compose per l’opera Fidelio, la quarta – in ascolto al Politeama – è, a differenza delle tre versioni precedenti, l’unica che non presenta alcun riferimento tematico all’opera.  Il compositore la scrisse tra febbraio e maggio del 1814 per la ripresa del Fidelio rappresentato per la prima volta al Teatro di Porta Carinzia di Vienna il 23 maggio 1814 sotto la direzione di M. Ninlauf. Composto nel 1816, il Concerto per pianoforte e orchestra in la minore op. 85 di Hummel è, insieme al terzo, certamente il più popolare nella sua produzione di concerti. Ormai quasi del tutto dimenticato, Hummel nella prima metà dell’Ottocento conquistò una grandissima fama in tutta Europa come brillante pianista. Composta tra il 10 dicembre 1814 e il 24 marzo 1815, la Seconda Sinfonia schubertiana fu eseguita postuma per la prima volta a Londra il 20 ottobre 1877.

Il 1815 fu un anno particolarmente fecondo dal punto di vista compositivo per Schubert che raggiunse la piena maturità artistica di cui una tappa significativa è certamente questa sinfonia nella quale le influenze mozartiane e beethoveniane appaiono superate da una concezione musicale autonoma.

Ingressi al botteghino da €10,00 a € 25,00. Riduzioni per junior, senior, enti convenzionati e possessori di carte sconto.

Mario Trapani

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button