CronacaPrimo Piano

L’Ordine Costantiniano va in aiuto agli allevatori dei Nebrodi colpiti dagli incendi

L’Ordine Costantiniano di San Giorgio, dona 3600 kg di fieno agli allevatori dei Nebrodi.

 

L’Ordine Costantiniano di San Giorgio, non è rimasto indifferente alle notevoli perdite subite dagli allevatori dei Nebrodi e delle Madonie, in seguito agli incendi di questa Estate, che hanno distrutto ettari di territorio e ucciso intere mandrie di bovini e di ovini. I cavalieri, coadiuvati da S.A.r, la principessa Beatrice di Borbone, presente all’evento, hanno, infatti, donato al sindaco di Castel di Lucio, Giuseppe Nobile,  3600 kg di fieno, che saranno distribuiti agli allevatori nei prossimi giorni.

La due giorni di appuntamenti ed incontri in Sicilia della Principessa Beatrice di Borbone delle Due Sicilie, rappresentante della Casa Reale di Borbone delle Due Sicilie oggi retta da Sua Altezza Reale il Principe Carlo di Borbone, Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, si è conclusa nel pomeriggio del 16 Settembre. La principessa è giunta in Sicilia, proprio, con la finalità di condurre in porto, importanti attiva benefiche e relazionarsi con la migliore imprenditoria del sud Italia per artigianato di pregio in previsione dell’imminente lancio di un nuovo brand e delle aperture di due boutique a Parigi e New York.

Prima tappa di questa breve visita, Burgio, rinomata per le sue ceramiche, e subito dopo Santo Stefano di Camastra,dove la delegazione costantiniana guidata dal commendatore Antonio Di Janni ed accolta dai cavalieri Benedetto e Placido Salamone di Casaleni ha consegnato formalmente al sindaco di Castel di lucio, il “prezioso”, carico di fieno. A seguire l’incontro con alcuni noti imprenditori della Città delle Ceramiche.
“Un impegno personale portato a termine grazie al generoso sostegno dei cavalieri e dame costantiniani, attivi in molteplici iniziative benefiche ed alla sensibilità ed amore verso la Sicilia dei principi di Borbone” dichiara Placido Salamone a conclusione della visita.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button