CronacaPrimo Piano

Lo sceicco: “Una moschea a Palermo ed investo 2 miliardi in città”

Al Zamil e Leoluca Orlando (foto Internet)

Zamil Al Zamil, lo sceicco del Bahrain, ha incontrato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando per una proposta ‘indecente’: 2 miliardi di euro pronti da investire nella città siciliana, in cambio la costruzione di una moschea che accolga le migliaia di proseliti arabi presenti a Palermo.

In realtà, l’incontro sarebbe dovuto avvenire in gran segreto: infatti, quando si parla di affari – specie così imponenti – le porte delle stanze devono rimanere chiuse e oscurate ai riflettori, per concedere alle parti di interloquire in assoluta tranquillità e senza interferenza alcuna. L’incontro tra Zamil Al Zamil e Orlando è avvenuto sì a porte chiuse, ma l’effetto domino, determinato dall’enorme cifra trapelata dagli spifferi di Palazzo delle Aquile, ha generato una risonanza irrefrenabile.

La riunione: Zamil Al Zamil, proveniente da Roma, ha deciso di sostare nel capoluogo siciliano, la riunione, blindata, è avvenuta in inglese ed è durata parecchie ore. Lo sceicco del Bahrain, oltre alla moschea, non ha parlato di progetti o intenzioni specifiche, ha soltanto sottolineato la somma che avrebbe intenzione di investire. Uffici comunali in gran fermento, bisogna infatti progettare e presentare analisi e relazioni agli architetti dello Zamil Group che soggiorneranno a lungo nella nostra città.

Ma chi è Zamil Al Zamil, lo sceicco che fa sognare una città intera, e, per osmosi, tutta la Sicilia? Lo sceicco del Bahrain è il vicepresidente dello Zamil Group, è nell’amministrazione di parecchie banche mediorientali e, da pochi giorni, presidente della Camera del commercio italo-araba a Roma.

Com’è ovvio che sia, quando si parla di cifre altissime, pari a circa 2 miliardi di euro, la notizia ha percorso migliaia di chilometri quadrati in breve tempo: una somma che consentirebbe alla città di Palermo di riacquistare la veste – che le calza a pennello, lo insegna la storia – di centro economico del Mediterraneo. Una sorta di ritorno ai fasti della ‘Palermo Araba’, Balarm il Riad del Mediterraneo, ‘Giardino’ degli Emiri e terra di grande ricchezza: una nuova ‘colonizzazione araba’ che, per quanto concerne gli immigrati, è già iniziata da parecchio tempo. Quindi, perché non approfittare di un rapporto economico proficuo, interrotto solo da alcuni secoli di latinizzazione? L’entusiasmo non manca di certo, le progettualità e i buoni propositi neanche. La città, intesa come amministrazione, società e attività, è pronta ad accogliere un così grande regalo?

Ignazio Cusimano

Articoli Correlati

8 Commenti

  1. Si, a patto che ad amministrare questi soldi siano i politici che hanno governato sino ad ora. Hanno fatto un lavoro eccellente.
    Basandomi sul loro operato proporrei:
    – corsi di formazione
    – assunzioni al comune
    – assunzioni nelle partecipate
    – stabilizzazione di tutti i precari
    – costruzione di un termovalorizzatore
    – costruzione di villini in riva al mare, in modo tappare i buchi da sferracavallo a Punta Raisi
    – cementificazione di ogni possibile ettaro ancora verde e possibilmente coltivato

  2. Si , ma mi raccomando, i 2 miliardi si devio consegnare ai politici…….Solo così saranno investiti al meglio!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button