CronacaPrimo Piano

‘Libero Parcheggio, “Dietro ai posteggiatori abusivi c’è la mafia”

Un momento della conferenza stampa (foto di Concetta Ventimiglia)

L’associazione socioculturale Fare Città, ieri a Villa Castelnuovo, a Palermo, ha presentato la campagna sociale “Libero Parcheggio, no al pizzo dei posteggiatori abusivi” , promosso dal presidente Michele Maraventano e dai giovani Mario Di Benedetto e Alessandro Cucchiara; ad intervenire durante l’incontro l’Assessore al Territorio ed all’ Ambiente On. Alessandro Aricò, il Comandante della Polizia Municipale Vincenzo Messina,l’assessore alla Mobilità Tullio Giuffrè.

“Qualche mese fa – dice Mario Di Benedetto, moderatore – abbiamo cominciato a riflettere molto sulla problematica dei posteggiatori abusivi, una realtà alquanto diffusa e fastidiosa a Palermo, e abbiamo deciso di dare una scossa a questa società e operare direttamente sulle coscienze provocando i posteggiatori nelle prossime cinque domeniche a seguire mettendoci all’aiuto del parcheggio al posto loro. Questo fenomeno ha ben due problematiche una di aspetto normativo e l’altra sociale; infatti, la legge italiana punisce l’esercizio del parcheggio abusivo, qualora riconosciuto, solamente con una sanzione amministrativa, perché è spesso molto difficile dimostrare la reale estorsione, inoltre c’è una grande differenza tra il posteggiatore di un tempo e quello di oggi che si evolve insaputa della società, poco informata, dietro organizzazioni a stampo mafioso”.

L’assessore Giuffrè e l’Assessore al Territorio ed all’ Ambiente Alessandro Aricò appoggiano l’iniziativa condiserando sgradevole per una città come Palermo un fenomeno di questo tipo.

“Deve essere sradicato – l’assessore alla Mobilità Tullio Giuffrè – e abbattuto; molti extracomunitari hanno immaginato fosse un fenomeno normale e si sono affiancati ai colleghi. Questo fenomeno come quello del lava vetri nella nostra cultura trova terreno fertile per riprodursi e le cause principali sono la carenza strutturale del trasporto pubblico e delle strutture per il parcheggio.”

Il Comandante della Polizia Municipale, Vincenzo Messina, afferma che il fenomeno si è evoluto nel tempo creando delle vere e proprie reti di traffico mafioso per cui è più difficile accorrere alla denuncia penale e il sistema normativo non aiuta affatto ad espellere totalmente la presenza dei posteggiatori,della loro arroganza e del loro monopolio delle piazze pubbliche di Palermo.

Concetta Ventimiglia

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button