CronacaPrimo Piano

Legalizzazione coltivazione di cannabis a scopo terapeutico

Il comitato "Esistono i diritti Transpartito" aderisce all'appello lanciato da Walter De Benedetto

Legalizzazione coltivazione di cannabis a scopo terapeutico. Il comitato “Esistono i diritti Transpartito aderisce all’appello lanciato da Walter De Benedetto”

È nota a tutti la vicenda che colpì Walter De Benedetto, riguardo la coltivazione e l’utilizzo in proprio di cannabis a scopo terapeutico. In molti ricordano la storia di quest’uomo che fu quasi condannato a sei anni di carcere con l’accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti.  Walter, scomparso il 9 maggio 2022,  era affetto da una patologia degenerativa, l’artrite reumatoide, quando fu constatato che lo stesso coltivava in autonomia cannabis, in una piccola serra allestita nel suo domicilio, lo stesso fu accusato e “additato” come pusher. Walter si difese giustificando la coltivazione come un plus alla dose di antidolorifici somministrata dalla struttura sanitaria che non bastava a lenire gli invalidanti dolori causati dalla malattia e l’utilizzo di cannabis, grazie all’effetto miorilassante, riusciva a rendere più sopportabile il calvario fisico che lo affliggeva.

Diverse le realtà che gli sono state vicine nella lotta sul diritto a poter fare uso di cannabis in situazioni simili, analoghe o addirittura peggiori della sua; tra queste vi sono associazioni, parlamentari, partiti e non ultimo il Comitato Esistono i Diritti Transpartito che ha aderito all’appello lanciato da Walter De Benedetto rivolto al parlamento italiano (Commissione Giustizia) al fine di legalizzare la coltivazione domestica di cannabis per uso terapeutico.

Per non rendere vane le sofferenze e le lotte di De Benedetto, “Esistono i Diritti Transpartito” con i suoi copresidenti  Pino Apprendi, Gaetano D’Amico, Antonino Martorana, Alberto Mangano, Piero Somma, Raimonda Riolo, Eliana Rasera, Massimo Giaconia, Barbara Evola, Cesare Mattaliano, Concetta Amella, Stefano Fiorentino, Maria Saeli, Milena Gentile, Katia Orlando, Girolama Bisulca, Marco Feo, Ugo Forello, Massimo Accolla, Giuseppe Brancatelli, Gaspare Nuccio, Luigi Maggiore, Nadia Spallitta, Valentina Chinnici, Angela Bottari, Massimo Fundarò, Giuseppe Di Salvo, Palmira Mancuso, Stefania Campo, Marta Palmisano, Fabrizio Ferrandelli, Gabriella Filippazzo, Donatella Corleo, Aurelio Scavone Grazia Ganci e ancora l’attore Leo Gullotta, i giornalisti Fabrizio Lentini e  Massimo Pullara, i professori Gianni Silvestrini e Marco Carapezza , Sarà Favarò, Monica Sapio, Rinaldo Clementi,  vuole portare avanti la lotta iniziata dal Walter, aderendo all’appello lanciato da quest’ultimo a tutela di chi vive una condizione di salute come la sua.

Il comitato Esistono i Diritti Transpartito ha lottato al fianco di Walter De Benedetto con i suoi copresidenti e i suoi iscritti e ancora oggi lo fa dando il proprio contributo con questo appello rivolto alla commissione giustizia della Camera.

Articoli Correlati

3 Commenti

  1. vicchy non ha mai messaggiato con nessun calamiggnatto 59 ci si aspetta l'ennesima circonvenzione scritta ha detto:

    e politica non ne fansa a nessuno

  2. Petronilli e minacce in passeggio industria giacy e simula losche figure sempre più sfacciati parolacce ha detto:

    Io sono testimone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button