Economia e LavoroPrimo Piano

UniCredit: Sileoni (Fabi): Da Orcel idee chiare e rispetto lavoratori

Il commento del Segretario generale della Fabi dopo la lettera dell’amministratore delegato di Unicredit: “È finalmente iniziato il dopo Mustier”

“Con la lettera di oggi di Andrea Orcel alle lavoratrici e ai lavoratori  del gruppo Unicredit, è finalmente iniziato il dopo Mustier, anche se da tempo il nuovo  gruppo dirigente di Unicredit lavora per una vera semplificazione e per una migliore  efficienza dell’organizzazione interna.

È positivo il fatto che Orcel si sia rivolto direttamente  alle lavoratrici e ai lavoratori bancari senza enfasi con idee chiare, miscelando  sapientemente prudenza, velocità di cambiamento, ambizione del gruppo oltre che rispetto
e valorizzazione degli stessi dipendenti. Le stesse considerazioni di oggi, Orcel le rappresentò qualche tempo fa ai segretari generali delle organizzazioni sindacali”.

Lo dichiara il  Segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, commentando la riorganizzazione del
gruppo Unicredit annunciata oggi.

“Non fui mai certamente tenero con Jean Pierre Mustier  che, secondo me, non solo aveva abbandonato diversi territori in Italia, ma con le sue scelte  di fatto aveva favorito i diretti concorrenti oltre che realizzato scellerati tagli di personale.

È  chiaro che valuteremo se, nelle scelte strategiche del gruppo, a cominciare dal prossimo piano industriale, alle parole seguiranno i fatti. Ma rimane positivo che il nuovo  amministratore delegato di Unicredit abbia indicato chiaramente un percorso da affrontare  non con ipocrisia né con spavalderia, ma con sano realismo nel rispetto di chi lavora nel  gruppo e della clientela. I prossimi mesi saranno determinanti per il settore bancario italiano  e, oltre al quotidiano, qualificato lavoro dei dipendenti bancari, in ogni gruppo, non
basteranno uomini soli al comando, ma servirà una classe dirigente professionale e  all’altezza della situazione che sappia dare risposte concrete sul tema delle pressioni  commerciali, sul rispetto del contratto nazionale, sullo smart working, sull’innovazione  tecnologica e che soprattutto sappia rispettare i lavoratori non soltanto a parole come  purtroppo avviene in alcuni gruppi bancari» aggiunge il segretario generale della Fabi”

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button