EsteriPrendo quotaPrimo Piano

Ucraina. I soldati russi razziano: giocattoli, televisori, lavatrici e rivendono gli oggetti rubati

Mentre i civili fuggono dal conflitto lasciando le loro case, l’esercito russo fa razzia nelle abitazioni. C’è tutto l’orrore della guerra nelle telefonate intercettate dai servizi segreti ucraini e pubblicate dal profilo Twitter “Ukraine”. Si tratta di telefonate dei soldati russi che chiamano i loro familiari in Russia per raccontare come sta andando finora. Razziano qualsiasi cosa trovano all’interno delle abitazioni: pellicce, borse, lavatrici, frigoriferi, gioielli, cosmetici, computer, televisori, play station, ferramenta e perfino water e bidet. Si sente un militare raccontare alla moglie: “adesso hai due cappotti di visone e Dasha uno di volpe artica”.

La moglie, piuttosto che frenarlo, lo incita a prendere “tute, scarpe da ginnastica e pc per nostra figlia”. Mandano tutto ciò che saccheggiano in una città al confine con la Bielorussia, per poi spedire gli oggetti rubati tramite il servizio di consegna espresso Sdek in Russia. Gli oggetti più grandi vengono inviati al bazar Narovlya. “Questo non è un esercito. Questa è una vergogna. Non dimenticheremo mai e non perdoneremo mai” ha scritto su Twitter il portavoce del ministero degli Esteri ucraino, Oleg Nikolenko.

Motolko Help, un portale bielorusso indipendente, ha pubblicato il video di una delle compagnie di corrieri di Mozyr che fa presupporre che gli oggetti siano rubati. I soldati sono andati all’ufficio postale di Choiniki e hanno chiesto la possibilità di inviare pacchi internazionali. Da fonti Motolko Help fanno sapere che “è stato chiesto loro cosa c’era. Hanno risposto: telefoni cellulari, vestiti“. Gli occupanti stanno anche cercando di scambiare il denaro rubato, dollari ed euro. Tuttavia, a causa delle restrizioni interne alla circolazione del denaro, i bielorussi sono riluttanti ad accettare lo scambio.

Fabio Gigante

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button