CulturaPrimo Piano

“Labirinti Ideali”: Cultura come guida alla modernità

Caffè letterario, format culturale, galleria d’arte, laboratorio di idee, teatrale, magazine cartaceo e sul web, luogo d’incontro, di dibattito, di forme e di bellezza.  Esposizioni pittoriche, personali e collettive, presentazione di Libri, multimedialità per convegni, rassegne cinematografiche, piccolo angolo caffè per una piacevole sosta. Questo e tanto altro, novità unica nel suo genere e in controtendenza, per volontà del presidente dell’associazione culturale “Artenia”, Mimmo Di Mercurio, nonché imprenditore siciliano della comunicazione, contornato da una decina di professionisti di varie discipline, nasce “Labirinti Ideali”, venerdì 30 maggio alle ore 18,00 a Terrasini (Pa) la sua inaugurazione.

Oggi più che di rinascita per un territorio come il nostro è giusto parlare di rilancio, di ripresa, di riqualificazione di una terra che può trarre dalla propria natura, dalla cultura millenaria un ruolo storico, culturale che le compete a pieno titolo. Il progetto “Labirinti Ideali” può essere uno strumento utile a portare fuori tutte queste potenzialità ancora in embrione, fornendo un contributo decisivo allo sviluppo economico di un’area di grande importanza socio-culturale.

La mission del progetto è la volontà di far cambiare la percezione del nostro territorio come meta turistica/culturale. La nostra terra viene infatti ancora oggi scelta per il “prodotto mare” – soprattutto dal turismo italiano – (Rapporto Mercury – Primo Rapporto sul Turismo in Sicilia), mentre invece è un territorio che si diversifica nell’offerta dei prodotti turistici: arte e cultura, parchi e ambiente, prodotti tipici locali, benessere e sport. Si deve puntare sulla “Sicilianità,” intesa con accezione positiva, esaltando l’enorme patrimonio culturale, la bellezza ambientale e la ricchezza enogastronomica, a memoria del concetto di globalizzazione del Prof. Urbani della Facoltà di Architettura di Palermo, il quale sosteneva che vincenti in tale processo sarebbero stati i territori che avessero saputo mettere l’accento sulle proprie peculiari caratteristiche e risorse umane, produttive e culturali.

E’ possibile fare cambiare questa tendenza attivando una serie di azioni di co-marketing e di marketing integrato mirate a favorire lo sviluppo della cultura, in tutte le sue sfaccettature. Il progetto infatti costituisce un modello strutturale-integrato per la valorizzazione dei rapporti umani tra culture diverse grazie alla predisposizione di un sistema di comunicazione in grado di collegare tra di loro i diversi elementi, anche relativamente distanti fra loro, in tempi fisici.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: