Primo Piano

La Sinistra della moralità facile non ha fatto luce su un suo candidato figlio di un mafioso

Guai per Franco Miceli e la sinistra silenziosa

Non ci si ferma più… è più che mai scontro violento e dai finti moralismi. Il 12 giugno è alle porte ea breve si  deciderà chi dovrà governare Palermo, ma situazione è più velenosa che mai e dopo il secondo arresto per scambio politico mafioso che ha colpito Fratelli d’Italia.

Giunge in redazione altra notizia di politica e mafia.

Stavolta colpisce il centro sinistra e la sinistra tutta. Trattasi  della candidatura  nella fila del candidato Sindaco Franco Miceli.  così come scrive  ilgiornale:

La denuncia del candidato Lagalla

Lagalla ha denunciato “il doppiopesismo e l’uso strumentale della morale” a cui i suoi avversari politici hanno fatto ricorso durante questa campagna elettorale. E così li ha invitati a spiegare certe affermazioni rilasciate di recente e a mettere in luce le reali motivazioni che hanno portato a determinate scelte. Come ad esempio quella di “accettare la candidatura del figlio di un boss mafioso“. (ilgiornale)

Miceli difende il suo candidato raccontando che la persona non ha più rapporti con il padre mafioso e che da 24 anni è nell’arma.  Ma questo può bastare? e perché non lo rendeva pubblico anzitempo? La sinistra in questo è specialista. Adesso tutti muti e zero morale.

A voi le sentenze.

Poi i detti sono tutti azzeccati: “nessuno è perfetto”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button