CulturaPrimo Piano

“La Festa del Giardino Incantato”, Natale con i miei al Carcere Ucciardone

In Italia sono 100mila i bambini e gli adolescenti che ogni giorno entrano nei 213 Istituti penitenziari italiani per incontrare il proprio papà o la propria mamma detenuti. Quotidianamente sostengono il peso della separazione, dei pregiudizi, delle difficoltà economiche, della vergogna per una condizione che li rende estremamente “vulnerabili”.

La detenzione del proprio genitore li coinvolge, ne trasforma la quotidianità, rendendoli fragili sul piano psicologico. Sono emarginati a scuola, nel quartiere dove vivono, nel gruppo sociale di appartenenza. Nascondono la propria personale storia familiare, fino a negarla. I figli di genitori detenuti sono bambini a grave rischio di discriminazione ed esclusione sociale.  A tutela di questo piccolo esercito di minori, per la prima volta in Europa e in Italia, il 21 marzo scorso, il Ministro della Giustizia e il Garante per l’Infanzia hanno firmato “La Carta dei figli dei genitori detenuti”. Un Protocollo d’Intesa che riconosce formalmente il diritto dei figli minorenni di persone detenute alla continuità al proprio legame affettivo con il proprio genitore durante la detenzione, così come sancito dall’articolo 9 della Convenzione ONU dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

In piena sintonia con la campagna europea “NON UN MIO CRIMINE, MA UNA MIA CONDANNA” l’Associazione Culturale “90100” promuove il Progetto artistico “NATALE CON I MIEI”, ispirato a una frase che troppi bambini innocenti non possono pronunciare a causa della detenzione di uno o entrambi i genitori. L’iniziativa offrirà un dono speciale agli oltre 100 figli minorenni (età 0/14 anni) dei detenuti della Casa Circondariale Ucciardone di Palermo, permettendo loro di trascorrere le Festività insieme ad entrambi i genitori, per un Natale senza sbarre.

Un evento unico nella storia del Carcere cittadino, mai avvenuto in precedenza, che avrà luogo sabato 27 dicembre 2014 presso “Il Giardino di Babbo Natale”, una fiabesca oasi del divertimento in tema natalizio/fantasy che l’Associazione Culturale “90100” ha allestito nell’area verde all’interno delle mure carcerarie dell’Ucciardone.

Lo speciale evento, dal titolo “LA FESTA DEL GIARDINO INCANTATO”, consentirà a 100 bambini figli di persone detenute, di poter trascorrere con i propri genitori una mattina speciale, allietati da: melodie tradizionali natalizie, animazione di coinvolgenti operatori in costume di scena, maxi giochi gonfiabili, postazioni golose come il carretto delle ciambelline e dello zucchero filato, spettacoli di magia, Casetta di Babbo Natale con postazione Foto Ricordo da portar via…

Inoltre, a tutti i bambini presenti saranno offerti giocattoli, palloncini e un goloso “Pic-nic Natalizio” che potranno gustare in allegria insieme con mamma e papà.

“NATALE CON I MIEI” intende affermare un modello di evento artistico connotato dal forte impegno sociale finalizzato a buone prassi di solidarietà e integrazione culturale; sensibilizzando l’opinione pubblica sulla delicata tematica della “genitorialità fragile” delle persone recluse.

Il progetto, inoltre, per i detenuti che per vari motivi non potranno avere il conforto della presenza familiare durante le Festività Natalizie, prevede per loro un piacevolissimo momento d’intrattenimento con lo spettacolo comico-musicale “Fiato di madre… e voglio dire” scritto e interpretato dal popolarissimo attore Sergio Vespertino, con musiche originali e accompagnamento in scena del Maestro Pierpaolo Petta.

La messa in scena, che avrà luogo sabato 03 gennaio 2015 all’interno del Teatro del Carcere Ucciardone, non è un semplice spettacolo di cabaret ma è teatro, poesia, ricordi e suggestioni.

Uno speciale regalo che l’Associazione Culturale “90100” intende offrire ai detenuti del Carcere cittadino, la possibilità di trascorrere un’oria d’aria “emotiva” trasportati da battute esilaranti e suggestive melodie. Con i migliori auguri per una prossima e più felice opportunità di vita.

“NATALE CON I MIEI” propone una “Festa condivisa” all’interno del Carcere Borbonico dell’Ucciardone, che possa essere d’ispirazione per un reale cambiamento culturale.

Il più bel regalo che si possa offrire alla Comunità.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: