EnogastronomiaPrimo Piano

La cucina di Valentina: Natale tra le famiglie di tutta Italia

Foto internet

Venticinque dicembre 2012, il mondo sarebbe dovuto finire quattro giorni fa e invece siamo ancora tutti qui. Un altro Natale, un’altra tavola imbandita e una famiglia riunita.

Ore 7, casa Bottero. La padrona di casa, la signora Bartolina sta preparando un’insalata di carne cruda all’albese, peperoni in bagna cauda con salsa a base di olio, aglio e acciughe, acciughe al verde, flan del cardo, tayarin con pancetta, petto d’oca affumicato, agnolotti al plin con sugo d’arrosto, cappone di Morozzo al forno, bue bollito di Carrù con salse, carote e patate al forno. E per finire una mousse di mele, torta di nocciole e zabaione. Ore 12 arriveranno gli ospiti e alle 13.30, dopo un pezzo di ottimo torrone d’Alba, il pranzo sarà finito.

Roma, ore 11, la casalinga Marina, che per la vigilia aveva privilegato il fritto con verdure, baccalà e capitone, per il pranzo di Natale ha scelto di preparare l’abbacchio al forno con patate, cappelletti in brodo, bollito misto e tacchino ripieno e per finire pampepato e pangiallo, un dolce fatto con frutta secca, canditi, farina, miele e cioccolato. Alle 13 arriveranno gli ospiti e dopo un lauto pasto, tante chiacchiere e un giro di amari, tutti andranno a fare un passeggiata per la capitale.

Ore 12, la famiglia Longo sta facendo gli ultimi preparativi, la signora Pina sta apparecchiando la tavola, mentre suo figlio Mario sta preparando salumi e sott’olii per l’antipasto. Il menù di questa famiglia comprenderà, cime di rape stufate, panzerotti fritti con ripieno di mozzarella, pomodoro e formaggio, anguilla arrostita con alloro, baccalà in umido e baccalà fritto, agnello al forno con lambascioni. Come dolci avremo le cartellate, dolci fritti a forma di rosa guarniti con miele o mosto, il torrone e i porcedduzzi, frittelline piccolissime con miele, fichi secchi e pasta di mandorle. Alle 13.30 arriveranno i familiari e comincerà il pranzo che non terminerà prima delle 16, quando gli uomini saranno al quarto giro di amaro e tutta la famiglia comincerà a giocare a carte.

Sicilia, ore 11, la signora Caruso ha deciso di preparare lo sfincione, una pizza a base di cipolla, scacce ragusane, cardi in pastella e gallina in brodo, insalate di arance con aringa e cipolla, agnello al forno, sformato di anellini al forno con ricotta, pasta con le sarde e sarde a beccafico, ripiene di mollica, pinoli, bucce di arance, foglie di alloro e uva passa, carne con pancetta coppata con contorno di sparaceddi e caponata. Per finire i buccellati di Enna, dolci tipici ripieni di fichi secchi, mustazzoli a base di mandorle, cannella e chiodi di garofano e cubba’ita, un torrone di miele con nocciole e mandorle o pistacchi. Alle 14 saranno tutti a tavola e tra primi piatti, golosissimi dolci e Zibibbo di Pantelleria, si arriverà quasi all’ora di cena.

Tra Nord e Sud le differenze sono tantissime, orari, abitudini e menù, ma nessuno rinuncia al Natale. Tutta l’Italia quest’oggi sarà unita da una festività, da una tavola rossa, un centrotavola elegante, vino, spumante e dolci, ma soprattutto da una famiglia stretta intorno al cibo e agli affetti. Il cibo è un momento speciale, che siano cappelletti in brodo, lasagne, cappone o anguilla non importa, l’importante è che abbia il potere di unire le famiglie.

E ovviamente dopo le feste, dieta!

Valentina Molinero

Articoli Correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button