Economia e LavoroPrimo Piano

Jeremie Sicilia, 50 milioni per le Pmi siciliane da Fei e UniCredit

da sinistra Nino Salerno, Gregorio Squadrito e Riccardo Benanti

Opportunità e vantaggi offerti da JEREMIE SICILIA, lo strumento finanziario a sostegno delle micro, piccole e medie imprese dell’isola. Di questo si è discusso oggi a Palermo in un incontro promosso da Confindustria Sicilia, partner di Enterprise Europe Network, e da UniCredit.

Nel corso dell’incontro, svolto nella sede di Confindustria Sicilia, è stato illustrato in dettaglio l’iniziativa JEREMIE SICILIA PMI, che consentirà di poter erogare prestiti di importo unitario sino a euro 1,5 milioni, a condizioni agevolate e con un plafond complessivo di 50 milioni di euro.

UniCredit e il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI, l’istituzione del Gruppo BEI specializzata nel capitale di rischio) hanno sottoscritto il 3 giugno 2014 un accordo nell’ambito dell’iniziativa JEREMIE Sicilia al fine di sostenere le micro, piccole e medie imprese (PMI) dell’isola. Grazie alle risorse FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale) stanziate dalla Regione Siciliana, pari a un massimo di 22,8 milioni di euro, combinate con ulteriori fondi propri messi a disposizione da UniCredit per il programma (ulteriori 27,9 milioni di euro) sarà quindi possibile erogare prestiti a condizioni agevolate fino a 50 milioni di euro.

A beneficiarne saranno le PMI siciliane attive in tutti i settori economici. I finanziamenti saranno erogati per investimenti in beni materiali e immateriali, per il capitale circolante relativo allo stabilimento, rafforzamento o espansione di attività nuove o esistenti. Il finanziamento di scopo, chirografario o ipotecario, si articola in due componenti di pari durata: una quota con fondi UniCredit, pari al 55% dell’importo complessivo del finanziamento con tasso variabile parametrato all’Euribor a 3 mesi maggiorato di uno spread e una quota con fondi JEREMIE pari al 45% dell’importo complessivo del finanziamento con fondi FEI a tasso zero.

“Jeremie Sicilia rappresenta – ha sottolineato Gregorio Squadrito, Responsabile commerciale Corporate Sicilia di UniCredit – uno strumento utile a sostenere l’economia dell’isola, fornendo un concreto supporto alle piccole e medie imprese che da sole rappresentano una larga fetta del tessuto imprenditoriale siciliano. Auspico che gli imprenditori utilizzino in maniera massiccia questo strumento che non richiede una documentazione complessa e che può aiutare a far ripartire gli investimenti nell’isola”.

“In un momento così complicato di crisi finanziaria e creditizia che crea difficoltà di patrimonializzazione e capitalizzazione – ha commentato Nino Salerno, vicepresidente di Confindustria Sicilia con delega all’internazionalizzazione -, Jeremie rappresenta uno strumento importante per il rilancio dell’economia della nostra regione e per le nostre imprese che vogliono restare competitive. Solo innovando, infatti, è possibile conquistare nuove quote di mercato anche all’estero. E su questo Confindustria Sicilia, con il supporto della rete Enterprise Europe Network, sta lavorando tantissimo”. 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button