Enogastronomia

Italian Olive Oil Day 2014, grande successo per la terza edizione

La terza edizione dell’Italian Olive Oil Day si è svolta sabato 17 maggio 2014 presso lo spazio eventi “umu” di TV Asahi all’interno del rinomato complesso di Roppongi Hills, situato nel cuore commerciale di Tokyo.

La giornata, pensata interamente come un evento di celebrazione e di promozione dell’olio di oliva, è stata strutturata in tre momenti principali:

– Esposizione, promozione e vendita diretta di prodotti made in Italy
Per tutto il corso della giornata (10-18) 23 espositori (importatori giapponesi e produttori non ancora presenti sul mercato) hanno presentato più di 80 oli made in Italy attraverso degustazioni e vendita diretta. Sono intervenuti oltre 400 visitatori tra ristoratori, importatori, distributori e consumatori, offrendo la possibilità agli espositori di operare una triplice azione di market-test, promozione e sviluppo di canali commerciali.

– Seminari educativi
Uno degli obiettivi dell’evento rimane quello di educare il consumatore ad un giusto utilizzo dell’olio di oliva approfondendone la conoscenza a vari livelli, sia produttivo, commerciale che di consumo. Quest’anno sono stati organizzati tre panel ognuno con tre relatori che hanno presentato in maniera esaustiva varie tematiche ai circa 100 partecipanti. I seminari sono stati:
1. “La filiera produttiva: dall’olivo all’olio di oliva” (relatori: Pietro Paolo Arca, Marco Pampaloni, Himeyo Nagatomo)
2. “L’olio di oliva e la cucina italiana” (relatori: Cristiano De Riccardis, Miciyo Yamada, Chef Ryuichi Hamasaki)
3. “Caratterizzazione chimica, caratterizzazione sensoriale e proprietà salutistiche dell’olio di oliva” (relatori: Cristian Marinelli, Marzia Migliorini, Selin Ertur)

– Cerimonia di premiazione degli oli concorrenti alla seconda edizione del JOOP (Japan Olive Oil Prize).
A conclusione della giornata, il Vice-Presidente della ICCJ, Fabrizio Cazzoli, ha annunciato i vincitori del concorso davanti ad una numerosa platea di giornalisti ed operatori. Il panel degli assaggiatori -tutti certificati in base alle normative europee- è giunto al verdetto dopo quattro giorni di scrupolosi blind tastings dei 115 oli in concorso provenienti da 6 Paesi.

I vincitori del concorso JOOP Japan Olive Oil Prize 2014, giunto alla seconda edizione sono:

CATEGORIA FRUTTATO LEGGERO
1) L’Aspromontano (Olearia San Giorgio, Italia, Calabria)
2) Ortice Riserva (Frantoio Romano, Italia, Campania)
3) Laudemio (Fattoria di Maiano, Italia, Toscana)

CATEGORIA FRUTTATO MEDIO
1) Cenzino (Az. Agr. Vincenzo Marvulli, Italia, Basilicata)
2) Uliva (Agraria Riva del Garda, Italia, Trentino)
3) Legno d’Olivo (Fattoria Altomena srl, Italia, Toscana)

CATEGORIA FRUTTATO INTENSO
1) Gran Pregio Bio (Az. Agr. Caputo Maria, Italia, Puglia)
2) Cherubino (Terraliva, Italia, Sicilia)
3) Fam DOP Irpinia Colline dell’Ufita (Oleificio Fam Sas, Italy, Campania)

MIGLIOR OLIO BIOLOGICO
Gran Pregio Bio (Az. Agr. Caputo Maria, Italia, Puglia)

GRAN MENZIONE OLIO CON MAGGIOR CONTENUTO DI POLIFENOLI:
Gran Pregio Bio (Az. Agr. Caputo Maria, Italia, Puglia)

Inoltre sono state assegnate le seguenti menzioni speciali ad oli di alta qualità che per pochi punti non sono riusciti a salire sul podio:
– Guadagnòlo Dulcis (fruttato medio) e Guadagnòlo Primus (fruttato intenso) (Fattoria Ramerino, Italia, Toscana)
– Monovarietale Dritta “Ago” (fruttato medio) (Az. Agr. La Quagliera, Italia, Abruzzo)
– Villa di Vetrice (fruttato intenso) (Fattoria di Galiga e Vetrice F.lli Grati, Italia, Toscana)

PANEL DEI GIURATI della seconda edizione del JOOP 2014:
Marzia Migliorini (Italia, panel leader JOOP 2014, responsabile ricerca laboratorio chimico merceologico CCIAA Firenze)
Arca Pietro Paolo (Italia, tecnologo alimentare)
De Riccardis Cristiano (Italia, docente Slow Food Italia)
Disanti Raffaele (Italia, assaggiatore ufficiale riconosciuto MIPAAF)
Ertur Selin (Turchia, assaggiatrice ufficiale riconosciuta MIPAAF)
Cristian Marinelli (Italia, responsabile qualità lab. chimico merceologico CCIAA Firenze)
Nagatomo Himeyo (Giappone, assaggiatrice ufficiale riconosciuta MIPAAF)
Pampaloni Marco (Italia, agronomo, panel leader commissione 2 CCIAA Firenze)
Yamada Miciyo (Giappone, giornalista, assaggiatrice ufficiale riconosciuta MIPAAF)

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button